Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

“Pedofilia è il più turpe tra crimini contro umanità debole” Lo dichiara Antonio Marziale, Garante per l'Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria

“Pedofilia è il più turpe tra crimini contro umanità debole” Lo dichiara Antonio Marziale, Garante per l'Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“La pedofilia è il più turpe fra i crimini contro l’umanità debole e indifesa e non può essere spiegata in alcun modo con finezze pseudo-letterarie lasciate alla libera interpretazione dello scrittore di turno”.
E’ quanto dichiara il sociologo Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, in merito alla recente pubblicazione di “Bruciare Tutto” di Walter Siti.

“Non ho letto il romanzo e mai lo leggerò – tuona il Garante – perché mi è bastato prestare attenzione all’intervista rilasciata da Siti al quotidiano La Repubblica per trasecolare e comprendere che lo scrittore non ha capito con che tipo di fenomeno va a misurarsi e la conferma della sua misconoscenza è data dalla dichiarazione che la pedofilia non può essere condannata, perché ‘filia’, ossia ‘desiderio’, e non molestia. Allora bisognerebbe informarlo sul fatto che, nella contemporaneità, dietro queste sottigliezze culturali, si nascondono le fondamenta della propaganda pedofila e le strategie difensive dei pederasti”.

“Certamente – sottolinea Marziale – la volontà di Siti non è quella di alimentare la propaganda pedofila o la sua difesa, e ciò lo si evince dall’approssimazione con cui parla del fenomeno, attingendo alle perverse visioni di Freud sull’infanzia ‘molestatrice sessuale di adulti’ e dedicando il libro ad una delle figure più innovatrici che la pedagogia annovera, don Lorenzo Milani, di cui ricorre proprio tra poche settimane il cinquantesimo anniversario della morte, liberamente interpretando in chiave pedofilica alcune sue lettere ai ragazzi”.

“Pubblicare un libro di siffatta fattura nel momento storico in cui le lobby pedofile operano per accreditarsi nel panorama culturale per fare breccia sul piano legislativo internazionale, come il partito dei pedofili olandese comprova – conclude il Garante – finisce fatalmente per fare il loro gioco. Pertanto, chiedo alla casa editrice Rizzoli di valutare, sia pur in tempo postumo, che un crimine che annovera milioni di vittime ogni giorno non può diventare diletto romanzesco e trarne le dovute conseguenze”.

Partecipa alla discussione