Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Forza Nuova contro delegato accoglienza Calabria Striscione offensivo nei confronti di Giovanni Manoccio durante un concerto di Povia. Saluto romano dei militanti. Replica di Pirillo

Forza Nuova contro delegato accoglienza Calabria Striscione offensivo nei confronti di Giovanni Manoccio durante un concerto di Povia. Saluto romano dei militanti. Replica di Pirillo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Uno striscione firmato Forza Nuova contro Giovanni Manoccio, delegato della Regione Calabria all’Accoglienza dei migranti, è apparso durante un concerto del cantautore Povia a San Lorenzo del Vallo (Cosenza). La scritta “Via Manoccio dalla Calabria” su un balcone era accompagnata dal saluto romano di un gruppo di militanti. A denunciare l’episodio è stato lo stesso Manoccio, ex sindaco di Acquaformosa, che, nei giorni scorsi, aveva polemizzato con il musicista autore del brano “Immigrazia” definendo “razzista” la canzone.

“Lo striscione – afferma Manoccio – rappresenta un pericoloso campanello d’allarme per una situazione che sta degenerando, una vera e propria spirale di odio iniziata nei mesi scorsi. Dopo essermi confrontato col mio legale ho deciso di denunciare gli autori di questo gesto perché oltre all’apologia al fascismo ci sono delle velate minacce che, sicuramente, non fanno paura, ed anzi non fanno che aumentare il mio impegno per una regione più civile e solidale”.

“Assessore Manoccio, attenzione! incolpare degli innocenti di un reato non avvenuto (lei parla di minacce) è diffamazione e calunnia. Per quanto riguarda i saluti romani, decine di sentenze lo hanno dimostrato, non è reato. Capiamo che lei guadagna percependo un lauto stipendio dalla Regione con la questione immigrazione, ma si dia una calmata, perché la nostra azione rientra nella dialettica politica. Se poi non è portato a reggerla si dia all’ippica, come avrebbe detto il buon vecchio Starace”.

Davide Pirillo
Coordinatore Regionale – Forza Nuova Calabria

Partecipa alla discussione