Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Crotone, Azione Identitaria su ordinanza antiaccattonaggio "Vero sintomo di degrado per tutto il territorio"

Crotone, Azione Identitaria su ordinanza antiaccattonaggio "Vero sintomo di degrado per tutto il territorio"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

E’ da tempo ormai che, a causa dell’ingente numero di immigrati, il fenomeno dell’accattonaggio è diventato un vero e proprio problema e sintomo di degrado che affligge quasi tutte le città italiane e Crotone non è esclusa da questa triste quanto, a volte, fastidiosa realtà. Molti sono i sindaci che si sono preoccupati di adottare misure atte a contrastare tale fenomeno ed anche l’allora (agosto 2016) neo eletto sindaco di Crotone, Pugliese, si premurò di annunciare l’adozione di un provvedimento anti-accattonaggio (consultabile sul sito del Comune di Crotone sotto la voce “Sicurezza partecipata”, http://www.comune.crotone.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/6600 ).

Nell’ordinanza si legge: “L’ordinanza prevede il divieto su tutto il territorio comunale di fenomeni e situazioni che costituiscano intralcio alla pubblica viabilità o che alterino il decoro urbano, in particolare quelle di abusivismo commerciale e di illecita occupazione di suolo pubblico.
Comportamenti come la prostituzione su strada o l’accattonaggio molesto, anche per le modalità con cui si manifestano”. Che fine ha fatto il provvedimento? Come mai, a distanza di un anno, non è stato messo in atto e si continua ad assistere a fastidiose scene di accattonaggio molesto nelle aree preposte a parcheggio?
Infatti tutti i parcheggi sono presenziati da abusivi che chiedono, spesso anche insistentemente, l’obolo che va ad aggiungersi al costo del parchimetro. A chi fa comodo questo?

Perché continuano ad insistere gli abusivi (parcheggiatori e venditori) non italiani e vengono perseguitati i crotonesi? Forse la legalità proclamata è a compartimento stagno? Noi si Azione Identitaria chiediamo che venga messa in atto l’ordinanza, della quale non si ha traccia nell’albo pretorio comunale se non come nota stampa, e che vengano adottate tutte le misure di ordine pubblico a contrasto di queste indecorose e fastidiose “abitudini”.

Caterina Tricarico
AZIONE IDENTITARIA CALABRIA

Partecipa alla discussione