Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Sequestrata discarica abusiva realizzata su un torrente L'indagine ha portato anche alla denuncia di otto persone, tra dirigenti regionali e di Calabria Verde, titolari di imprese e direttore dei lavori

Sequestrata discarica abusiva realizzata su un torrente L'indagine ha portato anche alla denuncia di otto persone, tra dirigenti regionali e di Calabria Verde, titolari di imprese e direttore dei lavori
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

I carabinieri forestale di Corigliano e Rossano hanno sequestrato un’area del torrente Cino, al confine tra i comuni di Corigliano e Rossano, sulla quale era stata realizzata abusivamente una discarica di rifiuti. I controlli che hanno portato al sequestro sono stati eseguiti nell’ambito dei lavori idraulici in corso nel torrente Gennarito di Corigliano Calabro denominato “Lotto 2” da parte di Calabria Verde inseriti nella programmazione degli interventi che ha fatto seguito all’alluvione avvenuta nel 2015.

È stato rilevato che il materiale conferito nell’alveo del torrente Cino non era solo sottoprodotto, e cioè terra e rocce da scavo, ma si trattava di rifiuti veri e propri. L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Castrovillari, ha portato anche alla denuncia di otto persone, tra dirigenti regionali e di Calabria Verde, titolari di imprese e direttore dei lavori.

Partecipa alla discussione