Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Palmi, combustione illecita di rifiuti: arrestato 63enne Operazione della Polizia Locale

Palmi, combustione illecita di rifiuti: arrestato 63enne Operazione della Polizia Locale
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Il Corpo di Polizia Locale di Palmi, diretto dal Maggiore Francesco Managò, nella giornata di domenica u.s., nell’ambito di una articolata indagine in materia ambientale coordinata dalla Procura della Repubblica diretta dal Procuratore Dott. Ottavio Sferlazza, ha tratto in arresto nella flagranza di reato F.A. di anni 63, per i gravi reati di smaltimento e combustione illecita di rifiuti. L’indagine si era avviata la scorsa estate traendo spunto da un servizio di osservazione e controllo del territorio in C.da Scinà durante il quale il personale aveva notato un soggetto del posto, a bordo di un camion carico di rifiuti, che si dirigeva in un’area agricola posta a circa 400 mt. dal mare e lì li scaricava in maniera incontrollata sul suolo.

A seguito di quei fatti, riferiti prontamente all’Autorità Giudiziaria, veniva assunto il coordinamento delle indagini dal Sostituto Procuratore Dr.Giorgio Panucci, nell’ambito delle quali veniva eseguita attività d’indagine di monitoraggio degli spostamenti del camion, affiancata da appostamenti operati dalla Polizia Locale con proprio personale posizionato in una radura posta in posizione privilegiata rispetto alla discarica. Le attività permettevano di accertare e documentare, nel corso dei mesi, numerosi scarichi illeciti di rifiuti che, con cadenza quasi giornaliera, che venivano raccolti da F.A., trasportati e depositati sul suolo nella discarica per essere poi inceneriti a mezzo fuoco e quindi interrati con mezzi meccanici.

L’area adibita a discarica è Zona Agricola sulla quale gravano i vincoli ambientali della presenza di falde acquifere. Domenica scorsa, 12 novembre, personale della Polizia Locale, appostato sulla radura per eseguire attività di osservazione sulla discarica, vedeva giungere il camion monitorato che aveva il cassone posteriore colmo di rifiuti solidi urbani eterogenei e rifiuti speciali, condotto da F.A., il quale entrava nella discarica e, dopo aver eseguito una manovra di retromarcia per collocarsi in fondo all’area, azionava il ribaltabile e scaricava tutto sul suolo. A quel punto scendeva e si dirigeva verso il cumulo di rifiuti, appiccando il fuoco in più punti. In quello stesso frangente l’agente informava la pattuglia esterna che giungeva nell’area e coglieva il soggetto ancora vicino al fuoco.

Nella circostanza si rilevava anche la presenza di diversi quintali di rifiuti speciali nello stesso sito. Compiute le operazioni F.A., colto nella flagranza del reato di combustione illecita di rifiuti, veniva dichiarato in stato di arresto e accompagnato presso gli uffici del Corpo per le formalità di rito. L’area agricola, di circa due ettari, ed il camion utilizzato per il trasporto illecito, venivano posti sotto sequestro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nella giornata di oggi l’arrestato è stato condotto davanti al G.I.P. per la convalida dell’arresto.

Partecipa alla discussione