Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Sequestrata strada sterrata realizzata in area boschiva Un uomo è stato denunciato anche per il taglio di alcuni alberi ed è inoltre ritenuto responsabile della sistemazione di una trappola per la cattura di cinghiali

Sequestrata strada sterrata realizzata in area boschiva Un uomo è stato denunciato anche per il taglio di alcuni alberi ed è inoltre ritenuto responsabile della sistemazione di una trappola per la cattura di cinghiali
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Serra San Bruno (VV) hanno denunciato una persona del luogo per violazione alla normativa urbanistico-edilizia ed al vincolo paesaggistico-ambientale, nonché per violazione al vincolo idrogeologico ed alla legge sulla caccia. E’ il conduttore di un fondo agricolo che, servendosi di un mezzo meccanico, aveva realizzato una strada sterrata avente una lunghezza di 50 m circa ed una larghezza di 2,50 m, in località Peschiera di Serra San Bruno (VV).

Per la creazione dello stesso tragitto, ricadente in zona parzialmente boscata, si era reso necessario, inoltre, l’abbattimento di circa dieci piante di castagno e quercia; il materiale legnoso ricavato dal taglio abusivo era ancora presente sul posto al momento dell’accertamento.

Durante il sopralluogo i militari hanno rinvenuto, altresì, posizionata nello stesso fondo, una pesante gabbia realizzata artigianalmente con tubi metallici da utilizzare per la cattura di cinghiali, con all’interno del granturco sistemato quale esca per gli animali. Considerato che il fondo in questione era regolarmente recintato, e pertanto l’accesso non era consentito a persone estranee, si ritiene che la trappola in esame fosse stata posizionata dal medesimo conduttore del fondo.

Considerata la totale assenza delle prescritte autorizzazioni previste per i lavori di realizzazione in questione, si procedeva ad eseguire l’immediato sequestro della strada e del materiale legnoso. Contestualmente, una volta disarmata, veniva sequestrata anche la gabbia metallica.

Partecipa alla discussione