Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Castrovillari, strada intitolata a Vincenzo Gazzaneo Medaglia d’onore, vittima delle deportazioni naziste

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

L’Amministrazione comunale di Castrovillari questa mattina, a nord della città, ha intitolato una strada a Vincenzo Gazzaneo, Medaglia d’Onore,nato nel capoluogo del Pollino nel 1907, deportato nei lager nazistie deceduto a Dresda, in Germania, nel 1945.

Un altro uomo illustre di questa città– ha dichiarato il Sindaco, Domenico Lo Polito, prima di levare il drappo alla targa che intesta la strada, per l’occasioneevidenziatadal Gonfalone con due Vigili in alta uniforme- e parte palpitante di quelli che hanno sacrificato la loro vita,  durante il conflitto della Seconda Guerra Mondiale, per affermare i valori di appartenenza alla Patria, didignità, di pace, unità e democrazia che rendono oggi la nostra nazione libera e  aperta.Vittime da non dimenticare- ha aggiunto–  per ciò che significano.”

Principi affermati pure, a nome della famiglia, dai  figli Franco e Luigi che, anche per conto del fratello Antonio, hanno rilanciato tali messaggi, ribadendo il ruolo fondamentale della memoria e la dedizione che hanno contraddistinto questi fulgidi esempi contro gli eccidi dei totalitarismi e gli orrori prodotti dal nazismo.

Durante la semplice manifestazione la famiglia ha ringraziato il primo cittadino nonché gli Uffici municipali , per averreso possibile questo rivolgendosi anche alla dirigente dell’Urbanistica ed al responsabile del procedimento, rispettivamente ingegneri Roberta Mari e Fedele L’Avena che erano presenti alla cerimonia con l’Assessore all’Ambiente Pasquale Pace.

L’Istante ha richiamato ancora una voltail dramma  di quegli indimenticabili avvenimenti, tanto funesti, ma soprattutto l’umanità di Vincenzo Gazzaneo, appassionato della propria Terra come tanti connazionali i qualivisserola tragicità di quegli anni bui,attraversati da violenza, cattiveria, genocidio, violazione di ogni diritto e che, però, non videro piegare le coscienze.

Partecipa alla discussione