Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Gli Amministratori di Rossano non sono abusivi Il Tar rigetta il ricorso dei consiglieri di minoranza

Gli Amministratori di Rossano non sono abusivi Il Tar rigetta il ricorso dei consiglieri di minoranza
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

ROSSANO (Cs) – Gli amministratori comunali di Rossano (Sindaco, Giunta e Consiglieri) non sono degli abusivi. L’elezione di Stefano MASCARO a Sindaco di Rossano è stata legittima. Ad esprimersi definitivamente sul ricorso presentato da alcuni consiglieri di minoranza per l’annullamento di atti del procedimento elettorale del 5 e del 19 giugno 2016 è la Prima Sezione del Tribunale Amministrativo della Calabria (TAR) che con propria sentenza pubblicata ieri (giovedì 1 marzo) dichiara il difetto di legittimazione passiva del Ministero dell’Interno e della Prefettura di Cosenza, rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti per la restante metà delle spese a favore del Comune e dei contro interessati. Come si ricorderà, a maggio del 2017 già la Suprema Corte di Cassazione aveva stabilito, con ordinanza, che a decidere sui ricorsi elettorali non sarebbe stato il TAR ma il giudice ordinario, accogliendo così il ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione proposto dal Comune. A ricorrere, ritenendo viziate le operazioni elettorali e denunciando irregolarità di diverso tipo, erano stati alcuni consiglieri di minoranza, tra i quali Flavio STASI e Ernesto RAPANI. Il Collegio di difesa dei resistenti, che ha riportato perciò un successo su tutti i fronti, procedurale e di merito, era composto, per l’Ente dagli avvocati Alfredo GUALTIERI e Federico TEDESCHINI e, per i consiglieri di maggioranza dall’avvocato Oreste MORCAVALLO.

Partecipa alla discussione