Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Canzoni e proverbi popolari che esaltano la donna Vittoria Savoia celebra l'universo femminile con dei versi della tradizione calabrese

Canzoni e proverbi popolari che esaltano la donna Vittoria Savoia celebra l'universo femminile con dei versi della tradizione calabrese
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

di Vittorio Savoia

L’8 marzo di ogni anno si celebra la Festa della Donna o, più correttamente, la Giornata Internazionale della Donna. La tradizione calabrese è ricca di canzoni e di proverbi che esaltano la bellezza della donna. Molto bella questa canzone popolare che il pastore innamorato canta alla sua bella, dove tutta la natura è chiamata in causa a magnificare la bellezza dell’amata: la luna, le stelle, i metalli preziosi, i rubini, i diamanti ecc. : ” Quandu nescisti tu, crucetta d’oru./ Quattru torci ‘a lu celu t’ajumaru./ Tutti li mastri, chi culavan’oru,/ Tuttu ‘a la facci toa ti lu stamparu./ Jeu criju ca di l’angiali si’ soru/ Niputi di lu Rre Napulitanu./ Tu fusti vattiata a funti d’oru/ E crisimata ‘a lu jùmi Giordanu,/ E la cummari fu ‘na rigina e lu cumpari toi, Sacra Curuna.

Bellissima, anche, questa serenata che il contadino chiama la sua fanciulla alla finestra promettendole cinque anelli d’oro, le scarpine per l’affido ed il monile: “ Affaccia a sta finestra, virga d’oru, / Ca si scumbogghia la rosa marina; / Ca c’è nu giuvaneddhu chi ti voli, / Cerca licenza ca si ‘nn’ha di jiri: / Ca poi ti porta cincu anelli d’oru, chi ti li menti a sti mani gentili; / Poi ti porta sti scarpini d’oru, / Chi ti li menti quandi vai all’affidu; / Poi ti porta n’ata cosa bona, / Chidda chi teni mpettu la rigina.”

Altro bel canto d’amore: “Stiddha di la matina quantu si beddha, / tu fusti nata a parti di la marina. / Lu mari ti manteni frisca e bella / Comu la rosa russa damaschina. / Alla manuzza luci l’anellu / e allu pettu ‘na bella catina. / Tu si patruna di quattru castelli: / Napuli, Ruma, Palermu, Messina. / Na cosa manca a ttia di la bella / chiddha ca porta ‘ntesta la rigina.”

I canti popolari lodano la bellezza dell’innamorata; descrivono le gioie di segreti colloqui e l’affanno disperato della partenza, come il marinaio costretto a dividersi dalla sua filuchella, le torna sotto la finestra e canta: “ O Bella, è fattu juornu, e l’arba è chiara,/ De la partenza mia venuta è l’ura (l’ora)./ Mo su benutu a mi licenziari,/ Pe fari ssa spartenza amara e crura (cruda) / A varca de lu puortu si prepara; / Chi sa stasira, o Díu! duvi mi scura! / Si la nívura (nera) morti nun mi spara,/ A mia venuta è tarda, ma sicura”. Il nostro marinaro cammina e piange. La notte lo coglie in mezzo mare, e cullandosi sulla sommità dei flutti egli canta questa bellissima canzone: “Tu si’ luntana, né mi po’ (puoi) vidiri, / Ma fatti na finestra all’orienti. Si mina vientu, su’ li me suspiri; / E si fa caudu, è lu me fuocu ardenti./ Si l’acqua de lu mari vidi usciri,/ Su’ li lacrimi mei jumi (fiumi) currenti; / Si sienti ‘ncuna vuci all’aria jiri, / Sugnu iu, bella, chi chiamu e tu nun sienti.”

I proverbi calabresi rappresentano la testimonianza più evidente della saggezza di un popolo che ha fatto della generosità e dell’ospitalità i suoi tratti distintivi. L’uomo, spesso, sapeva essere gentile e galante con la donna: – A fìmmana è ‘u lustru d”a casa. – A fìmmana è ‘u timùni d”a casa (la donna è la guida della casa). – A fìmmana maritata è di tutti rispettata. – A fìmmana ‘nd”a casa, è ‘nu trisòru (la casa dove c’è una donna può ritenersi ricca). – A fìmmana prena, nenti si nega (alla donna incinta non si nega nulla, ogni desiderio deve essere esaurito). – A fìmmana destra conza ‘a minestra (la donna sveglia-esperta-capace sa come sbrigarsela in cucina). – A fìmmana di bona rrazza, a cinquant’anni porta ‘mbrazza (la donna di buona razza a cinquant’anni ancora procrea). Chiudo con queste bella frasi che l’innamorato dona alla bella amata: ” D’oru v’ammeritàti ‘na catìna e di ‘na principessa ‘na curùna (vi meritate una catena d’oro ed una corona da principessa). — “ Duvi camìni tu su’ rosi e violi, ‘stu pedicèju ti vorrìa cazàri” (dove cammini tu trasformi tutto in rose e viole, vorrei essere degno di calzarti il piede).

Partecipa alla discussione