Natale SCULLARI (1913-1999) – L’Ebanista intellettuale – | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Natale SCULLARI (1913-1999) – L’Ebanista intellettuale – Altro personaggio raccontato in silloge nella Spoon River del pianoro Taurianovese dal blogger Giovanni Cardona

Natale SCULLARI  (1913-1999) – L’Ebanista intellettuale – Altro personaggio raccontato in silloge nella Spoon River del pianoro Taurianovese dal blogger Giovanni Cardona
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Natale SCULLARI (1913-1999)
– L’Ebanista intellettuale –

 

Nacqui a Radicena
il 2 gennaio del 1913
in vico Mileto sedici
da Vincenzo e Maria Stella Labate.

Conobbi da subito il male
la disperazione che si annidava
nell’animo dei diseredati
che stanziavano per un tozzo di pane
nell’antistante Duomo di Radicena
nel dolore e nello sfruttamento
del povero da sgherri
comandati da astuti padroni.

A metà degli anni ‘20
andai a Roma
dove imperversante il fascismo
mi iscrissi al Partito Socialista.

Frequentai molti intellettuali
quali Altiero Spinelli e Stefano D’Arrigo
che divennero miei sodali amici.

Su insistenza di mio fratello Giuseppe
– superbo scultore del legno –
mi iscrissi alla scuola di ebanisteria
acquisendo l’arte
alla quale si aggiunse
nelle botteghe romane
la passione per la politica.

Tornai a Radicena
dopo la caduta del Fascismo
ritrovando i braccianti emarginati
aiutandoli a identificarsi
nella democrazia delle opinioni
e nella libertà della ragione.

Amavo i libri
la loro essenza materica
il loro odore commisto
a ciò che di arcano
produce la scrittura
in essi contenuta.

Mi allontanai
in una fredda giornata di marzo
felice di aver cercato di dare
dignità ai miseri braccianti
contro la parola gratuita
che dona ciò che non ha
e promette quello
che non possiede.

Oggi la mite fiumara
scorre vicino al mio sepolcro
e borbottando
mi tiene compagnia.

Partecipa alla discussione