La mamma nei detti e proverbi calabresi | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

La mamma nei detti e proverbi calabresi Domani si celebra la Festa della mamma

La mamma nei detti e proverbi calabresi Domani si celebra la Festa della mamma
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Di Vittorio Savoia
Quest’anno  la data della Festa della Mamma è il 13 MAGGIO. Originariamente la data della Festa della Mamma era fissa in un giorno specifico.
E questo giorno era l’8 maggio. Per facilitare i festeggiamenti e far ricadere la Festa in un giorno festivo (la domenica), si è poi deciso di rendere la data “mobile” e fissarla la seconda domenica di ogni mese di maggio. In verità la Mamma deve essere festeggiata tutti i giorni. Dice un detto calabrese: “Cu ti dici ca ti voli beni cchiù i to’ Mamma o ti tradisci o ti ‘nganna!!.(Chi ti dice che ti vuole bene più di tua Madre, o ti tradisce o ti inganna.) –  La tradizione calabrese è ricca di detti e proverbi che lodano la Mamma, ne descriviamo alcuni: – “A Mamma tuttu ti da, nenti ti cerca, e se ti vidi chi ciangi senza sapiri pecchì, t’abbraccia e ti dici: Figghiu !!! e ciangi cu ‘ttia!!!”(La Madre tutto ti da, niente ti cerca e se ti vede che piange senza sapere il perché, ti abbraccia e dice: “Figlio” e piange con te:) – ‘Na Mamma è ‘bbona pe’ centu figghi, centu figghi non su ‘bboni pe’ na Mamma” (Una Mamma basterebbe a cento figli e cento fogli non basterebbero ad una Mamma). – “Cu teni ‘a Mamma è riccu e no sapi; cu teni ‘u beni è felici e non l’apprezza. Pecchì l’amuri ‘i Mamma è ‘na ricchizza è comu ‘u mari chi non finisci mai !! “ – “ L’amuri di na Mamma non ‘nvecchia mai !!!”( L’amore di una Madre non invecchia mai.) – “ ‘A casa esti sempri fridda quandu manca ‘a Mamma!!!” (La casa è sempre fredda quando manca la Mamma) – “ C’è luci sutta ‘o suli, c’è caluri accantu a na Mamma!!”(C’è luce sotto il sole, c’è calore accanto alla Mamma.) – E’ mugghiu to’ Mamma mu ti ciangi, ca ‘u suli ‘i marzu mu ti tingi  ( E’ meglio che tua Madre ti pianga, che il Sole di marzo ti tinga.)!!!” – “Ddiu non potiva essiri a tutti li parti, allura criau La Mamma!” ( Dio non poteva essere in ogni parte, allora creò la Mamma.) – l’amuri ‘i Mamma non ti ‘nganna” (l’amore di una Mamma non ti inganna mai). Come spesso avviene per le cose importanti, solo dopo averla persa ci rendiamo conto di quanto fosse importante per noi la Mamma. Così ci troviamo ad iniziare ogni frase con “Comu diciva me mamma”, ogni piatto che assaggiamo pensiamo che non è “Comu ‘u faciva  me Mamma”. Per chiudere inserisco due poesie in vernacolo sulla Mamma: “ “A Mamma”, di un mio carissimo amico poeta Rocco Nassi : Ti ‘mbrazza, ti ‘nnaca e ti ‘ccarìzza,/ ti lava, ti vest’e ti ‘ddirìzza,/ ti pasci fin’a quandu crìsci / è sempr’a ‘ddhrìtta quandu ‘u suli ‘bbrìsci./ Nd’ô mumentu r’u bisognu / è sempr’i lat’i tìa,/ ma jà vota chi sbagghji / ti grìra o’ ti corpìa./ Ricorditi ‘i chìju chi ti rìcu / e no’ ti sperdìri,/ pecchì tanti cosi / ancora ha’ capiscìri./ ‘Na mamma est’a / prìma chi ti ‘mbuccia ‘i spaji / se ti ‘zzìcchi nda nu mar’i guai./ Esti ‘a varca chi ti porta sempri ‘n terra, / chi voli sulu paci e mmai ‘a guerra./ Pe’ chìstu nc’ha volìri sempri beni, / no’ fari ‘mi passa dispiacìri o peni./ Ricorditi sempri ca ‘i Mamma nd’havi una sula / e nda ‘sta Terra è ‘a cassaforti cchjù sicura. La seconda poesia “ ‘A MAMMA CALABRISI : “ Fu sempi ‘bbona e cara a mamma mia, / mi vozzi beni cu’ tuttu lu cori / e m’arricordu quandu mi dicìa, “t’accorgi sulu quandu….a mamma mori. ——-/ E m’accorgivi tardu amaru i mìa, / ca’ chiddhu chi dicìa è la verità, / e vogghju mu tu dicu puru a ttìa / mo’ chi la mamma /  mìa……non è cchjù ‘ccà! ———-/ ‘A mamma nostra, è mamma calabrisi / ed è na’ mamma chi non è protetta, / pecchì doppu chi suffriu novi misi, / fu sula “emigranti” a poveretta! / Lu fici senza u sapi lu destinu / chi si riserva a li figghjoli soi, / lu fici e staci sempri a capu chinu, / vorrìa ‘mu s’arza e tu Gesù… vidi chi poi !!!”.

 

 

Partecipa alla discussione