Rapine a supermercati e gioiellerie, arresto pregiudicato | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Rapine a supermercati e gioiellerie, arresto pregiudicato Indagini della Polizia di Stato

Rapine a supermercati e gioiellerie, arresto pregiudicato Indagini della Polizia di Stato
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Nella mattinata odierna, a conclusione di complesse ed articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica, settore ordinario, la Sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile di Reggio Calabria ha eseguito una ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere n. 449/18 R.G.N.R., 563/18 R.G. Gip e 57/18 R.O.C.C., emessa dal GIP presso il locale Tribunale a carico di Vito MERIGO classe 1990, pregiudicato di questa provincia. Il MERIGO è indagato per quattro rapine aggravate, di cui una tentata, commesse tra novembre e dicembre 2017ai danni di alcuni esercizi commerciali del capoluogo reggino.

La prima risale al 9 novembre 2017 allorquando, assieme a un complice, si impossessava di 1.950 euro, minacciando con una pistola una dipendente dell’esercizio commerciale “Oro Più” di Viale Aldo Moro. La sera 2 dicembre, armato di pistola, perpetrava un’altra rapina presso il supermercato “MDA Office” di via Cairoli facendosi consegnare 250 Euro. Poco dopo, prendeva di mira un compro oro di viale Calabria, anch’esso denominato “Oro Più”, dove si impossessava, con un complice, di ulteriori 2.000 euro. L’11 dicembre successivo, sempre in orario serale, entrava da solo all’interno della gioielleria lo Scrigno di via Vollaro per commettere un’altra rapina, ma la reazione della titolare lo induceva ad allontanarsi dalla gioielleria.

In occasione delle tre rapine di novembre e dicembre 2017, utilizzava la medesima tecnica: si introduceva negli esercizi commerciali con il volto parzialmente travisato da un cappellino, si avvicinava alla postazione dei dipendenti lasciando all’ingresso un complice per verificare se arrivassero avventori o Forze dell’Ordine. Impugnava quindi una pistola che aveva in una busta e la poggiava sul bancone facendosi consegnare, dietro minaccia, il denaro in cassa. Le indagini sono state condotte dagli investigatori della Squadra Mobile attraverso le audizioni delle vittime e la minuziosa analisi delle immagini riprese dagli impianti di video sorveglianza presenti nei luoghi in cui la rapine sono state commesse dal MERIGO, peraltro con l’aggravante di averle poste in essere in un periodo in cui si era sottratto volontariamente all’esecuzione di una pena detentiva.

Il predetto,infatti, era recluso presso la Casa Circondariale di Paola (CS) fino al 9 ottobre 2017,data in cui gli veniva concesso un permesso breve, di 5 giorni, da trascorrere presso una casa di accoglienza di quel centro ma, alla scadenza, non faceva rientro, rendendosi irreperibile. Aveva quindi raggiunto Reggio Calabria dove aveva programmato di compiere una serie di rapine, verosimilmente per finanziarsi la latitanza. MERIGO Vito annovera precedenti per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sequestro di persona, rapina aggravata e maltrattamenti in famiglia e segnalazioni di polizia per reati contro il patrimonio. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata eseguita dai poliziotti della Squadra Mobile presso la Casa Circondariale di Reggio Calabria dove il MERIGO è ristretto per altre cause.

Partecipa alla discussione