Servizi sociali, verso l’ambito unico Corigliano-Rossano | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Servizi sociali, verso l’ambito unico Corigliano-Rossano Prima riunione operativa per 11 Comuni

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

CORIGLIANO ROSSANO (Cs) – Welfare, programmazione,
organizzazione e gestione del sistema integrato dei servizi sociali e
dell’integrazione socio-sanitaria locale. Prima riunione operativa per i Sindaci
dei 11 Comuni facenti parte dei due ambiti originari di CORIGLIANO e
ROSSANO.
In attesa dell’unificazione dei due ambiti 1 e 3 da parte della REGIONE CALABRIA che si è
espressa favorevolmente in merito, la Conferenza dei Sindaci ospitata ieri (martedì 15) a
CORIGLIANO è stata presieduta dal Commissario prefettizio, il prefetto Domenico
BAGNATO, di CORIGLIANO ROSSANO, comune capofila dei due ambiti unici preesistenti.
Dopo l’introduzione della responsabile del settore Tina DE ROSIS, insieme ai responsabili
regionali, hanno partecipato gli amministratori di CALOVETO, CALOPEZZATI,
CROPALATI, CROSIA, LONGOBUCCO e PALUDI (AMBITO N.1) e quelli di SAN
COSMO ALBANESE, SAN DEMETRIO CORONE, SAN GIORGIO ALBANESE e
VACCARIZZO ALABANESE (AMBITO N.3).
La collaborazione, in un ambito come quello delle politiche sociali – ha detto BAGNATO –
è fondamentale perché oggi, più che in altri periodi della storia recente, ha acquisito una
valenza fondamentale nella costruzione del vivere civile. Il 2018 – ha aggiunto il
COMMISSARIO – rappresenta l’anno dei cambiamenti per questo territorio; rappresenta,
anche, l’anno dei cambiamenti per le politiche sociali. Nella Regione Calabria, infatti, dal
1° gennaio 2018 si è data attuazione alla Legge quadro per la realizzazione del sistema
integrato di interventi e servizi sociali. Tutto ciò significa per gli enti locali, riuniti in
Distretti Socio-Assistenziali, la delega delle competenze in materia sociale. È un momento
di grande responsabilità, perché dalla costruzione del PIANO DI ZONA, strumento di
rilevazione del fabbisogno territoriale e di programmazione del rilevato bisogno e dalla
capacità di attuazione del welfare territoriale, dipende il futuro dei soggetti vulnerabili.

Partecipa alla discussione