Controlli Carabinieri nella Piana: 8 arresti e 6 denunce | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Controlli Carabinieri nella Piana: 8 arresti e 6 denunce Operazioni degli uomini dell'Arma a San Ferdinando, Rosarno, Varapodio e Taurianova

Controlli Carabinieri nella Piana: 8 arresti e 6 denunce Operazioni degli uomini dell'Arma a San Ferdinando, Rosarno, Varapodio e Taurianova
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Otto arresti, sei denunce in stato di libertà, oltre mille persone e seicento veicoli controllati, vari esercizi pubblici ispezionati, elevate sanzioni amministrative per diecimila euro dai numerosi controlli effettuati dalle duecento pattuglie impiegate sul territorio. È questo il bilancio di un servizio straordinario di controllo del territorio disposto dal Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro nel corso dell’ultimo fine settimana.
In particolare:
 i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno:
• arrestato in flagranza di reato FALL SAER, 56enne, pregiudicato, DIAGNE THIERO, 25enne, senegalesi, e DIALLO SADIO, 27enne della Guinea, tutti domiciliati presso la vecchia tendopoli di San Ferdinando, perché sorpresi mentre tentavano di asportare delle lamiere in alluminio dalla sede della ditta APOC di Rosarno. Al termine delle formalità di rito, i prevenuti sono stati sottoposti, a seguito della celebrazione del rito direttissimo, all’obbligo di firma;


• arrestato, in ottemperanza all’ordinanza di aggravamento di pena detentiva emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Reggio Calabria, SURACE DOMENICO, 29enne, pregiudicato di San Ferdinando, per plurime violazioni della misura della detenzione domiciliare cui era sottoposto in quanto colpevole dei reati di detenzione e porto illegale di arma clandestina e ricettazione. Dovrà scontare la pena di un anno e otto mesi;

• tratto in arresto PESCE SAVINO, 55enne di Rosarno, pregiudicato per reati associativi, intraneo all’omonima cosca di ‘ndrangheta, in ottemperanza all’ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica di Palmi, dovendo scontare la pena residua di mesi 2 in quanto riconosciuto definitivamente colpevole del reato di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, per fatti commessi in Rosarno nel 2011;

i Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno arrestato:
• assieme ai colleghi della stazione di Bagnara Calabra e dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, GRAMUGLIA ANNUNZIATA, 51enne e il figlio GENTILUOMO VINCENZO, 29enne entrambi di Bagnara Calabra, perché, nel corso di perquisizione domiciliare, sono stati trovati in possesso di un fucile, occultato in una stanza destinata all’essicazione dei salumi ed una pistola con matricola abrasa, modificata per il cal. 6,35 e completa del relativo munizionamento.
La perquisizione, estesa all’intera proprietà, ha consentito di rinvenire occultati in una stalla e un fienile 5 piante di marijuana e dei semi già interrati, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente;
• arrestato, assieme ai colleghi del Nucleo Cinofili di Vibo Valentia invece, nel corso di una perquisizione domiciliare, TEDESCO SALVATORE, 47enne, poiché trovato in possesso di circa un chilo di marijuana e hashish – in parte già suddivisi in dosi – nascosto in un armadio, all’interno di una borsa, insieme a un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente;

i Carabinieri della Compagnia di Taurianova hanno:
• a Varapodio, assieme ai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Calabria, deferito in stato di libertà M.G., 43enne del luogo, pregiudicato, poiché, all’esito di una perquisizione domiciliare, venivano rinvenute, occultate all’interno di una stufa dismessa, un caricatore monofilare per pistola contenente 12 cartucce cal. 7,65 ed ulteriori n. 25 cartucce dello steso calibro, tutto sottoposto a sequestro;
• a Taurianova, denunciate per possesso illegale di munizionamento e di sostanza stupefacente del tipo marijuana T.G., 38enne, e T.A., 46enne, entrambe del luogo, poiché all’esito di perquisizione domiciliare sono stati trovati in possesso di alcune piante di marijuana e di cartucce non denunciate, nonché T.M., 70enne di Polistena, per omessa custodia di una pistola e relativo munizionamento, in quanto, seppur legalmente detenuti, erano custoditi in modo improprio e senza rispettare le prescritte norme di sicurezza. L’arma e le munizioni sono state ritirate in via cautelativa.

Partecipa alla discussione