Antonio Raffaele RENDA (1875-1959) – Il Filosofo – | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Antonio Raffaele RENDA (1875-1959) – Il Filosofo – Altro dimenticato personaggio narrato in silloge nei canti del pianoro Taurianovese dal blogger Giovanni Cardona

Antonio Raffaele RENDA  (1875-1959) – Il Filosofo – Altro dimenticato personaggio narrato in silloge nei canti del pianoro Taurianovese dal blogger Giovanni Cardona
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Antonio Raffaele RENDA (1875-1959)
– Il Filosofo –

 

La mia stirpe
originaria dalla vicina Trinacria
portò nella amena
contrada radicenese
la raffinata cultura dolciaria.

Nacqui a Radicena
in via Nazionale
al civico sessanta
dal mastro dolciere Antonio
e da Carolina Rechichi
il 28 settembre del 1875.

Neppure la morte di mio padre
mi precluse la volontà
di intraprendere
gli amati studi filosofici.

Fra Napoli, Messina e Palermo
da accademico insegnai
ad uno stuolo di generazioni
Storia e Filosofia Medievale e Moderna.

Mi sposai a Rogliano
con la bella Katia Wanda Domanico
il 28 dicembre 1910.

Studiando il pensiero kantiano
sviluppai gli aspetti etico-religiosi
reinterpretando il criticismo
in chiave metafisica.

Ho sempre pensato
che la libertà dell’uomo
l’esistenza di Dio
e l’immortalità dell’anima
siano fenomeni connaturati
a cui gli esseri umani
non possono sottrarsi.

Insegnai fino al 1950
concludendo quale professore emerito
la mia carriera accademica nel 1953.

Mi allontanai a Roma il 17 aprile 1959.

Oggi quel che ricevo
nel lume di questo enigma
mischiato all’ombra
della mia attesa solitaria
è più di quanto mi aspettassi
dalla precaria memoria
che si rianima
quando scopriamo
di appartenere al segreto
che accende nella vertigine
degli spenti sguardi
la fiamma fatua dell’amore.

Partecipa alla discussione