Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Contrasto abusivismo edilizio, intesa interistituzionale Tra comune Corigliano Rossano, Aterp e Prefettura

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

CORIGLIANO ROSSANO (Cs) – Favorire l’integrazione e
promuovere il sostegno alle fasce più deboli della popolazione,
contribuendo a costruire un nuovo sistema di welfare moderno in grado di
rispondere alle esigenze della domanda abitativa, in particolar modo nei
centri urbani esposti a fenomeni di marginalizzazione e degrado. Utilizzare
correttamente il patrimonio abitativo pubblico per garantire la legittima
fruizione agli aventi diritto. Prevenire e controllare il territorio per
scongiurare fenomeni malavitosi e di microcriminalità. Affermare il
principio di legalità e garantire i diritti di chi attende l’assegnazione
di alloggi di edilizia pubblica.*

È con questi obiettivi che il Commissario Prefettizio, il Prefetto *Domenico
BAGNATO*, con i poteri del consiglio comunale, ha firmato il protocollo *per
la prevenzione ed il contrasto alle occupazioni abusive negli insediamenti
di edilizia residenziale pubblica *tra il Comune Unico, la Prefettura di
Cosenza, la Regione Calabria e l’Aterp.

È stato costituito un *Tavolo Interistituzionale*, composto da
rappresentanti delle Forze di Polizia, funzionari tecnici ed amministrativi
dell’ATERP Calabria, funzionari tecnici ed amministrativi e personale dei
servizi sociali del comune, personale tecnico dell’Enel e delle società di
gestione del gas, Vigili del Fuoco.

Grazie a tale strumento si potranno *condividere ed integrare le competenze
dei diversi attori coinvolti *e assicurare, attraverso meccanismi di
collaborazione, *una efficace e permanete azione di contrasto al fenomeno. *

Il *Tavolo Interistituzionale* effettuerà una *costante ricognizione delle
condizioni di disagio e insicurezza abitativa*; assicurerà il *coordinamento
con i servizi sociali del comune* per l’accompagnamento di nuclei in reale
stato di necessità; definirà *modalità organizzative interne ai proprietari
per ottimizzare la sorveglianza e individuare le nuove occupazioni* al fine
di attivare efficacemente la collaborazione con le forze dell’ordine e i
servizi sociali comunali.

Partecipa alla discussione