Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Taurianova, ieri fiaccolata di preghiera per Sissy Il comitato civico "Sissy, la Calabria è con te" si scaglia contro l'amministrazione comunale e la cittadinanza - GUARDA

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

TAURIANOVA – Si è svolta nella serata di ieri la fiaccolata di preghiera per Sissy Trovato Mazza, la sfortunata taurianovese che da due anni si trova in stato vegetativo in una struttura di Zingonia, in provincia di Bergamo. Al momento di riflessione hanno preso parte la famiglia della ragazza, l’amministrazione comunale di Taurianova, il segretario del sindacato di Polizia Penitenziaria, Aldo Di Giacomo, e il gruppo che sostiene la ricerca della verità sul caso di Sissy. Non sono mancate, però, le polemiche da parte del comitato civico “Sissy, la Calabria è con te” che insieme ai gruppi Facebook “Sissy tutti qui per te” e “Sissy, la Calabria con te” si è scagliato contro il sindaco Scionti e la popolazione di Taurianova: “Nella serata di ieri – dichiarano il comitato civico “Sissy, la Calabria è con te” e i gruppi Facebook “Sissy tutti qui per te” e “Sissy, la Calabria è con te” – si è svolta la fiaccolata di preghiera per Sissy Trovato Mazza. Presenti alla manifestazione il segretario Nazionale del sindacato Polizia Penitenziaria, Aldo Di Giacomo, tv locali e il programma “Chi l’ha Visto” che riparlerà del caso di Sissy mercoledì 13 giugno su Rai Tre dalle 21.15. Hanno partecipato anche la giunta comunale ed il sindaco, lo stesso che però si è presentato senza fascia tricolore né gonfalone, un sindaco che non ha stretto neppure la mano alla famiglia di Sissy e che non ha atteso la fine della fiaccolata per andare via.

Un sindaco che da 19 mesi è assente ed assieme a lui quasi tutta la cittadinanza. La scorsa volta, in occasione della conferenza stampa tenutasi a Taurianova con il segretario nazionale del sindacato di Polizia Penitenziaria, il primo cittadino era stato invitato dallo stesso, ma non si è presentato. Il giorno dopo, però, abbiamo appreso dai giornali che era stato a festeggiare il compleanno di una compaesana centenaria, con tanto di fascia tricolore”.

Partecipa alla discussione