Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Presentata oggi la “Coppa Italia Giovanile 2018” Importante evento di pugilato che la Federazione Pugilistica Italiana ha assegnato alla A.S.D. Amaranto Boxe di Reggio Calabria, e che si svolgerà dal 22 al 24 giugno

Presentata oggi la “Coppa Italia Giovanile 2018” Importante evento di pugilato che la Federazione Pugilistica Italiana ha assegnato alla A.S.D. Amaranto Boxe di Reggio Calabria, e che si svolgerà dal 22 al 24 giugno
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Si è tenuta oggi la conferenza stampa di presentazione della “Coppa Italia Giovanile 2018”, importante evento di pugilato che la Federazione Pugilistica Italiana ha assegnato alla A.S.D. Amaranto Boxe di Reggio Calabria, e che vedrà sul ring dal 22 al 24 giugno prossimo a Sant’Andrea Apostolo dello Ionio (Catanzaro) i nostri piccoli campioni, con la partecipazione di 126 bambini provenienti da tutta Italia che si sono qualificati vincendo lo step regionale.

“Una meravigliosa festa per lo sport calabrese a cui ho avuto l’onore stamani di partecipare in qualità di consigliere delegato dalla Regione Calabria allo Sport, politiche giovanili, associazionismo e volontariato, assieme a Giovanni Latella, consigliere del Comune di Reggio Calabria delegato allo Sport, turismo, promozione immagine della città, Paolo Ielo, responsabile settore giovanile regionale, Giuseppe Fedele, organizzatore dell’evento sportivo e Salvatore Pace, tecnico” – rende noto il consigliere regionale delegato nonché capogruppo “La Sinistra” in Consiglio regionale.

“Sono felice oggi di poter premiare i nostri ragazzi, che insieme a tanti altri sportivi di ogni categoria, grazie alla loro dedizione e all’impegno e al lavoro delle federazioni – non sempre facile qui nel nostro territorio – portano alto il nome dello sport in Calabria, raggiungendo importanti obiettivi e premiazioni.  La Regione non può dunque essere da meno e in questi ultimi tre anni, di concerto con il governatore Mario Oliverio, abbiamo intrapreso una strada volta a valorizzare lo sport come strumento di coesione sociale e di sviluppo economico, grazie agli importanti investimenti in atto che consentiranno finalmente di intervenire sull’impiantistica sportiva. Parliamo di quasi 100 milioni di euro per rendere agibili strutture sportive che ad oggi rimangono parzialmente se non addirittura totalmente inutilizzate, in particolare nelle aree disagiate e nei piccoli comuni, dove diventa più difficile per le famiglie, in assenza di impianti sportivi vicini, avviare e sostenere i figli nella pratica dello sport” – sottolinea Nucera che conclude: “Dobbiamo ridare come massima Istituzione gli stessi diritti che gli sportivi godono nelle altre regioni d’Italia e sostenere l’impegno attivo di ogni singola federazione sul territorio, che realizza un lavoro splendido non solo agonistico, ma anche pedagogico ed educativo, dando occasione a molti ragazzi di crescere nei valori dello sport.”

Nel corso dell’incontro, moderato dalla giornalista Luisa Lombardo, l’organizzatore dell’evento sportivo Giuseppe Fedele ha espresso “la propria soddisfazione per il grande lavoro svolto nel settore giovanile dall’Amaranto Boxe che ha portato in pochissimo tempo a importanti gratificazioni sia a livello regionale che nazionale”.

Dello stesso avviso Paolo Ielo – responsabile settore giovanile regionale – che ha sottolineato come “la Calabria che non partecipava ad eventi di tale portata a livello nazionale da almeno 15 anni, oggi invece torna ad essere protagonista del grande sport nazionale”.

Per il consigliere del Comune di Reggio Calabria, delegato allo Sport Giovanni Latella: “E’ importante che la Città metropolitana partecipi e punti su questa kermesse per una delle prossime edizioni o magari su qualche altro evento di portata nazionale” ed ha concluso che “s’impegnerà per la costituzione della Casa dello sport da inserire in un più ampio circuito cittadino che coinvolga i settori della recettività e della valorizzazione turistica”.

Partecipa alla discussione