Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Truffe online: finti regali di Wind, che ovviamente non ne sa nulla La bufala del Samsung Galaxy S9 in dono. L’allerta su Commissariato di PS On Line della Polizia Postale. Lo “Sportello dei Diritti”: nessuno regala nulla per nulla. Non cliccate e cancellate subito i messaggi

Truffe online: finti regali di Wind, che ovviamente non ne sa nulla La bufala del Samsung Galaxy S9 in dono. L’allerta su Commissariato di PS On Line della Polizia Postale. Lo “Sportello dei Diritti”: nessuno regala nulla per nulla. Non cliccate e cancellate subito i messaggi
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Tutti vorrebbero avere l’ultimo smartphone in regalo dal proprio
gestore di telefonia. Ma gli operatori delle telecomunicazioni
difficilmente regalano nulla per nulla. Anzi forse mai. Ecco perché
bisogna prestare la massima attenzione come andiamo ripetendo
quotidianamente noi dello “Sportello dei Diritti
[http://www.sportellodeidiritti.org/]”, ai tentativi di truffa che
ci pervengono attraverso (apparentemente) innocui messaggini che
c’invitano a cliccare su un “ok” o su un link per ricevere
gratis addirittura un costosissimo Samsung Galaxy S9, ma che in
realtà sono pericolosissimi “specchietti per le allodole” di
hacker e truffatori telematici. Se si seguono le istruzioni, infatti,
non si fa altro che consentire a questi malintenzionati di accedere
abusivamente ai nostri dispositivi per sottrarre dati personali o
bancari. A ricordarcelo ancora una volta è la Polizia Postale, che
con un altro post
[https://www.facebook.com/commissariatodips/photos/pcb.980482248780123/980481748780173/?type=3&theater]
pubblicato sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line –
Italia [https://www.facebook.com/commissariatodips/?ref=br_rs]”, con
gli screenshot dei tipici messaggi cui dobbiamo far attenzione ha
sottolineato che: “Molti di questi messaggi sono truffaldini. Non ci
affidiamo a false aspettative di regalo se pur gradite”. Attenzione,
quindi! È solo verificando ogni messaggio che giunge sui nostri
apparati – rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei
Diritti [http://www.sportellodeidiritti.org/]” – che si può evitare
di cadere nella trappola e quindi di farsi sottrarre dati sensibili o
bancari perché i nostri gestori telefonici utilizzano solo canali
ufficiali per le loro comunicazioni e offerte. Nel caso siate comunque
incappati nella frode potrete rivolgersi agli esperti della nostra
associazione tramite i nostri contatti email
info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org
per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare
pregiudizi.

Partecipa alla discussione