Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Serie D, colpo della Cittanovese: firma Scopetta Ingaggiato il forte difensore classe ’86 ex Sicula Leonzio e Francavilla

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

La Cittanovese piazza un altro grande colpo di mercato. Questa volta il nome in entrata è quello di Salvatore Scoppetta, difensore centrale di assoluta qualità e di grande esperienza. Un innesto che mette sostanza e fosforo nel reparto arretrato giallorosso, alzando le ambizioni della Società e il livello del progetto tecnico di mister Domenico Zito. Salvatore Scoppetta, classe ’86, è un centrale di difesa tra i più importanti nel panorama calcistico calabrese. Originario di Scalea, la sua formazione è avvenuta alla Reggina Calcio, dove ha fatto tutta la trafila delle giovanili. Nel suo palmares i campionati di Serie D vinti con Martina Franca e Sicula Leonzio, e le stagioni con Trento, Vibonese, Ragusa, Viterbese, Hinterreggio, Francavilla.

“Sono felice di sposare questo progetto – queste le prime parole del giocatore dopo la firma – ed entro nella famiglia giallorossa consapevole dei valori e delle ambizioni che la società, il gruppo e l’ambiente possiedono. Lavorerò, insieme ai compagni, per raggiungere gli obiettivi posti per la prossima stagione, e sono certo che sapremo regalare belle soddisfazioni ai tifosi”.

Il suo arrivo alla Cittanovese è destinato a generare l’entusiasmo dei tifosi. Di questo ne è consapevole la Società. “Siamo felici di accogliere Salvatore Scoppetta – questo il messaggio del sodalizio giallorosso – e siamo certi che il calciatore saprà dare un contributo importante nel corso della prossima stagione. Crediamo molto nelle sue qualità, nella sua esperienza e nella sua serietà. Senza dubbio, con l’arrivo del difensore in rosa, alziamo il livello del progetto tecnico. In settimana – conclude – procederemo alla definizione delle ultime trattative. Vogliamo iniziare la stagione con l’organico al completo”. L’operazione, conclusa nella mattinata odierna, ha visto il contributo del procuratore sportivo Lorenzo Tavilla.

Partecipa alla discussione