Conto alla rovescia per la prima di “Settembre al Parco NaturArt 2018” | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Conto alla rovescia per la prima di “Settembre al Parco NaturArt 2018” All’insegna dell’integrazione e dell’accoglienza: inaugurazione martedì 11 settembre alle 18

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

CATANZARO – Conto alla rovescia per l’inaugurazione di
“Settembre al Parco – NaturArt 2018”, l’evento storicizzato realizzato
dall’Amministrazione provinciale di Catanzaro, guidata dal presidente
Enzo Bruno, che si avvale sostegno economico della Regione con i fondi
destinati ad interventi per la valorizzazione del sistema dei beni
culturali e per la qualificazione e il rafforzamento dell’attuale
offerta culturale annualità 2018. La rassegna culturale è partita ieri 7
con la quinta edizione della Festa del Volontariato, ma entrerà nel vivo
con l’inaugurazione di martedì 11 settembre alle ore 18 – alla presenza
di autorità e ospiti – e a seguire il dibattito sul tema
dell’immigrazione che vedrà la presenza del sindaco di Riace Domenico
Lucano,al quale – oltre al presidente Bruno – parteciperanno anche il
governatore, Mario Oliverio, oltre che giornalisti di levatura
nazionale, come il condirettore di Famiglia Cristiana, Luciano Regolo, e
il direttore del Corriere della Calabria, Paolo Pollichieni.
Il convegno sul tema “Storie Migranti. Accoglienza e solidarietà: valori
calabresi” con interventi di esperti e testimonianze, si terrà nella
sala conferenze del Museo storico miitare e sarà impreziosita dalla
performance teatrale a cura di Fa.R.M. Fabbrica dei Racconti e della
Memoria, Atlante delle Guerre e dei Conflitti nel mondo & Associazione
46° Parallelo (a cura di Fiamma Negri e Giusi Salis)
La sezione musica, martedì alle 21.30, partirà con l’esibizione
dell’Orchestra di Piazza Vittorio, la più grande orchestra multietnica
d’Europa, composta da 18 musicisti provenienti da 10 paesi che parlano 9
lingue diverse. Con loro Boto Cissokho, musicista senegalese, suona la
kora, strumento tradizionale della cultura mandika dell’Africa
occidentale.

Partecipa alla discussione