Natale CONTESTABILE (1917-1943) – Il Tenente di Vascello – | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Natale CONTESTABILE (1917-1943) – Il Tenente di Vascello – Continua la narrazione in silloge di personaggi del pianoro Taurianovese da parte del blogger Giovanni Cardona

Natale CONTESTABILE  (1917-1943) – Il Tenente di Vascello – Continua la narrazione in silloge di personaggi del pianoro Taurianovese da parte del blogger Giovanni Cardona
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Natale CONTESTABILE (1917-1943)
– Il Tenente di Vascello –

 

Nacqui a Jatrinoli
l’8 ottobre del 1917
da don Domenico
e Maria Teresa Loschiavo.

Conseguita a Reggio Calabria
la licenza liceale
fui ammesso
all’Accademia Navale di Livorno.

Nel 1941 ottenni
il grado di Tenente di Vascello
nel 1942 una decorazione
e a fine estate del 1943
a La Spezia
mi imbarcai sulla corazzata Roma.

Il 9 settembre del 1943
mentre l’Ammiraglio Bergamini
conduceva la corazzata
da La Spezia a La Maddalena
fummo colpiti dai bombardieri tedeschi
trasformando in relitto
la maestosa nave ammiraglia
ed annullando le vite di 1393 uomini
nel Golfo dell’Asinara.

Oggi nell’incuria della memoria
il tempo avanza insieme alla morte
in ritardo sulla sua ala
che ha sbattuto
inondando di gelo
la muta contemplazione
lasciata nel vuoto divenire
di un giorno di luce
che ci illude sommersi
con una fioritura lambente
le aride coste prospicienti.

Lasciai una giovane vita
per l’amore della mia patria
precipitando verso l’abisso
in un turbine di dolore
affinché l’àncora del tempo
ostile al ricordo
non mi appaia una zavorra.

La stele marmorea
della mia vuota tomba
dettata da mia madre
nel cimitero di Jatrinoli
così recita:
Nei mari del mondo
la vostra tomba è un’ara
e accanto all’ara, o figlio,
è il muto cuore di una mamma”.

Partecipa alla discussione