Serie C, la Reggina rimonta il Rieti | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Serie C, la Reggina rimonta il Rieti Con un finale incandescente gli amaranto brindano al successo

Serie C, la Reggina rimonta il Rieti Con un finale incandescente gli amaranto brindano al successo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

di Antonio Spina

Con un finale thrilling la Reggina porta a casa tre punti d’oro che permettono agli amaranto di dare un po’ di ossigeno ad una classifica asfittica. Con la vittoria contro il Rieti s’interrompe la striscia di due sconfitte consecutive contro Catania e Catanzaro. Gli ultimi venti minuti della gara potrebbero segnare la svolta in positivo della stagione. Di fatti, la squadra giocando il tutto per tutto si è scrollata di dosso la paura che non permetteva ai calciatori di esprimersi per come sono capaci. Inoltre, Cevoli potrebbe ribaltare le gerarchie in attacco promovendo Tassi titolare il cui ingresso in campo ha spaccato in due le sorti della partita. Ancora una volta male Petermann, mentre Viola tornando al massimo della condizione fisica può dare un grosso contributo ai suoi. Pertanto, un’importante iniezione di fiducia per tutto l’ambiente.

Il primo tempo ha proposto un film già visto nelle ultime settimane. Amaranto privi di idee e difficoltà estreme per creare chiare occasioni da rete. Il Rieti ringrazia riuscendo, così, a controllare agevolmente il gioco e chiudendo la prima frazione di gioco in vantaggio. L’approccio alla gara è tremendo per l’undici di mister Cevoli. Infatti, al 4’ minuto Solini, anticipato, stende in area Gondo che lo stesso attaccante realizza spiazzando Confente. Al 21’viene annullato un gol per off-side a Maistro, dopo che il compagno di squadra Palma aveva clamorosamente sbagliato sotto porta. Identica situazione si ripete al 27’. Franchini perde goffamente palla a centrocampo, Vasileiou si fa 40 metri prima di calciare il cui tiro viene respinto da Confente e da due passi Gondo, ben appostato, mette in rete. E’ tutto inutile perché il guardalinee alza la bandierina.
Amaranto davvero incapaci di impensierire la squadra laziale dimostrando carenze strutturali preoccupanti, mentre il Rieti non ha fatto nulla di trascendentale per andare all’intervallo in vantaggio di una rete.
Nella ripresa Cevoli getta nella mischia Alessio Viola per tentare di ribaltare l’inerzia della gara. Le battute iniziali del secondo tempo, però, dicono il contrario. Vasileiou, dopo aver saltato tutta la retroguardia amaranto, davanti a Confente calcia alto divorandosi il più facile dei gol. Passano dieci minuti e il Rieti passa per la seconda volta. Cericola, appena entrato, con un tiro ad incrociare che sbatte sul palo prima di terminare in rete, regala il doppio vantaggio ai suoi. Reggina allo sbando totale e dalla curva parte la contestazione rivolta a giocatori e società.
Quando ormai tutto faceva presagire ad un altro pomeriggio nefasto la partita prende tutt’altra piega. Finalmente la Reggina si sveglia e accorcia le distanze con Sandomenico al 72’ e un minuto dopo raggiunge il pareggio con Tassi abile a stoppare una palla difficile e battere Chastre. Adesso gli amaranto ci credono e rinfrancati dal pareggio spingono per trovare il gol dell’incredibile sorpasso. Ci provano prima Viola con un siluro dalla distanza che colpisce in pieno la traversa e dopo lo scatenato Tassi che davanti alla porta sbaglia clamorosamente. Gli sforzi vengono premiati all’ultima azione del match con Ungaro che fa esplodere di gioia lo stadio dopo aver rischiato di naufragare.

Partecipa alla discussione