Omicidio spiaggia Nicotera: giudizio immediato per Olivieri | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Omicidio spiaggia Nicotera: giudizio immediato per Olivieri Il processo inizierà il 19 febbraio 2019 davanti ai giudici della Corte d’assise di Catanzaro

Omicidio spiaggia Nicotera: giudizio immediato per Olivieri Il processo inizierà il 19 febbraio 2019 davanti ai giudici della Corte d’assise di Catanzaro
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Giuseppe Olivieri, autore reo confesso dell’omicidio di Francesco Timpano, di 43 anni, ucciso il 12 agosto scorso sulla spiaggia a Nicotera, andrà subito a processo e sarà giudicato con il rito immediato. Infatti, il giudice per le indagini preliminare di Vibo Valentia ha accolto la richiesta avanzata della Procura ed ha disposto il giudizio immediato senza passare dall’udienza preliminare. Il processo inizierà il 19 febbraio 2019 davanti ai giudici della Corte d’assise di Catanzaro. Il 36enne originario di Preitoni di Nicotera, assistito dall’avvocato Francesco Schimio, davanti al gip Nicola Filardo aveva riferito di aver agito non per vendetta quanto per timore di finire a sua volta ammazzato.

I FATTI – L’uomo, nel primo pomeriggio del 12 agosto scorso, si recò a Nicotera Marina, all’interno di uno stabilimento balneare, per attendere il 44enne Timpano sparandogli poi alcuni colpi di pistola calibro 7,65 alla schiena, davanti alla moglie e a decine di bagnanti atterriti. Olivieri, nell’attendere la vittima, avrebbe prima sorseggiato una birra, poi avrebbe avvicinato un uomo che era lì a consumare il pranzo con la famiglia chiedendogli un accendino e farfugliando qualcosa come “che devo andare ad ammazzare a qualcuno…”.

La moglie della vittima, nonostante lo shock, riuscì a fornire un identikit dell’assassino. Giuseppe Olivieri è fratello di Francesco, l’uomo che l’11 maggio scorso uccise Michele Valerioti, di 67 anni, e Giuseppina Mollese, di 80, in un raid omicida tra Nicotera e Limbadi che, nelle sue intenzioni, avrebbe dovuto provocare altre vittime indicate in una lista. Un raid motivato con la volontà di vendicare la morte del fratello Mario, avvenuta nel 1997. Sulla lista ci sarebbe finito anche Vincenzo Timpano, fratello di Francesco, rimasto soltanto ferito, unitamente ad altri due soggetti. Giuseppe Olivieri, in sede di convalida del fermo, avvenuto nell’agosto scorso, disse che la sua azione non aveva niente a che fare con quella del fratello.

Partecipa alla discussione