“Zero al Sud” presentato a Lamezia e Cosenza | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

“Zero al Sud” presentato a Lamezia e Cosenza Il libro del giornalista del Mattino Marco Esposito, tratta il tema dell’ingiustizia sociale creata dal federalismo fiscale

Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Zero al Sud. Importante riscontro negli incontri a Lamezia e a Cosenza per la presentazione del libro del giornalista del Mattino Marco Esposito sull’ingiustizia sociale creata dal federalismo fiscale promossi dall’Associazione culturale “Osservatorio delle Due Sicilie”.
Amedeo Colacino, primo cittadino di Motta Santa Lucia, e Michele Conia, sindaco di Cinquefrondi, hanno già annunciato che promuoveranno il ricorso amministrativo contro “questa norma anticostituzionale”
Gli annunci del ricorso contro una norma definita “anticostituzionale” da parte dei due sindaci sono stati fatti durante le presentazioni del libro “Zero al Sud” di Marco Esposito. Il volume (Ed. Rubbettino) vanta la prefazione dell’economista Gianfranco Viesti ed ha come sottotitolo “La storia incredibile (e vera) dell’attuazione perversa del federalismo fiscale”.
L’autore dell’opera ha già fatto diverse presentazioni in tutta Italia (Grottaglie, Manfredonia, Foggia, Roma e Milano) e in questi giorni è stato in Calabria. Sabato sera al Chiostro di San Domenico a Lamezia, domenica mattina alla libreria Ubik di Cosenza, mentre domenica sera è stato ospite della Tgr Calabria.
L’incontro di Lamezia è stato introdotto dal presidente dell’associazione Alessandro Malerba e coordinato da Rosella Cerra, componente dello stesso Osservatorio.
“Il federalismo fiscale è stato l’ennesima fregatura per il Sud: ha acuito il divario economico e sociale con il resto dell’Italia, ha aggravato la questione meridionale e ha determinato la rinuncia dello Stato a garantire in maniera equa, come vuole la Costituzione, servizi e risorse per tutti i cittadini”. Più risorse al Nord, zero al Sud! Questo la prassi che si sta consumando nell’indifferenza generale ed è la sintesi che fa l’autore sul contenuto del libro di inchiesta.
Per rimarcare la disparità, nel 2017 è stata introdottala variabile statistica di comodo “dummy”, “con cui – ha evidenziato il giornalista – è stata introdotta una vera e propria forma di razzismo camuffata con una variabile fantoccio. Le disparità, la sproporzione tra quanto viene erogato al Nord e quello che effettivamente arriva nel Mezzogiorno è possibile perché non sono mai stati definiti i Lep, i Livelli essenziali delle prestazioni da garantire su tutto il territorio nazionale”.
A tal proposito la Cerra ha evidenziato come il ritardo nella definizione dei Lep viene giustificata dalla mancanza dei “fabbisogni standard”, i quali mancano perché ancora non ci sono i Lep. Insomma oltre al danno la beffa.
E rivolge direttamente la domanda al sindaco se contro questa aberrazione sia disposto a fare ricorso, così come evidenzia Esposito nel libro: “Ancora oggi mi chiedo quale sarà il primo Comune che prenderà questo orrore giuridico e lo porterà dinanzi alla Corte costituzionale per vedere se la perequazione al 50% rispetti il principio dell’integrale finanziamento delle funzioni assegnate previsto dall’articolo 199”
Colacino ha risposto: “Sono sindaco dal 2009, in nove anni lo Stato centrale ha decurtato il 100 per cento dei fondi ai Comuni. La deputazione parlamentare, i partiti sia di destra che di sinistra non si sono attivati per fermare questo squilibrio economico, sociale e politico tra le due Italie. Un Paese tagliato in due da ‘una norma anticostituzionale’, appunto il federalismo fiscale, contro cui- ha annunciato Colacino – faremo ricorso amministrativo”.

Dello stesso tenore la risposta del sindaco di Cinquefrondi Michele Conia durante l’incontro a Cosenza presso la libreria Ubik. L’incontro è stato coordinato da Giancarlo Costabile, docente Unical, il quale nel presentare l’autore, ha precisato che “Tutto ciò che ha a che fare col neo-meridionalismo è un inseminatore di coscienza. Questa non è una semplice presentazione di un libro ma una assemblea per capire a che punto siamo e cosa dobbiamo saper proporre”.
Nella sua introduzione il costituzionalista e docente della facoltà di scienze politiche dell’Unical Walter Nocito ha ripercorso le varie tappe del federalismo giungendo alla definizione dell’art.119 della Costituzione che trova la sua applicazione con la legge 42 del 2009 che porta il nome dell’allora ministro della Lega-Nord Calderoli. In applicazione di “Un federalismo dei ricchi, ossia la secessione dei ricchi- continuando- c’è una negoziazione in atto su quali fondi alla Lombardia ed al Veneto possono rimanere in applicazione del dettato costituzionale”.
Segnala inoltre che la legge prevede l’istituzione del fondo perequativo che interviene nei territori con minore capacità fiscale ed è quello che in maniera del tutto arbitraria è stato decurtato di oltre il 50%.

Di fronte e tutto ciò affonda il sindaco di Cinquefrondi Michele Conia“Noi non possiamo più tacere e accettare in modo passivo. Io da sindaco prendo l’impegno che questa questione la porterò nel Consiglio regionale dell’ANCI Calabria –continuando che- Oltre che una resistenza istituzionale e giuridica va fatta anche una resistenza politica” con un chiaro riferimento allo stato di colonizzazione che oggi si aggrava proprio in riferimento all’altra forza politica “che non ha mai nascosto quale è la loro matrice e la loro visione verso noi meridionali”.

Partecipa alla discussione