Giuseppe MARINO (1856-1934) – Il Capitano dei Carabinieri – | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Giuseppe MARINO (1856-1934) – Il Capitano dei Carabinieri – Prosegue con un altro personaggio la Spoon River del pianoro Taurianovese del blogger Giovanni Cardona

Giuseppe MARINO  (1856-1934) – Il Capitano dei Carabinieri – Prosegue con un altro personaggio la Spoon River del pianoro Taurianovese del blogger Giovanni Cardona
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Giuseppe MARINO (1856-1934)
– Il Capitano dei Carabinieri –

 

Nacqui a Caccuri
antico borgo calabrese
il 3 febbraio del 1856.

L’ameno castello medievale
vigilava dai superbi merli
le colonne della antica Crotone
che dal contado natio
sfociava nel mare dei miei sogni.

Mi arruolai giovane
seguendo le orme paterne.

Ero un uomo di montagna
di bosco, di campo
abituato alla fame ed al freddo
ma anche alla libertà dei grandi spazi.

Fui destinato alla fine dell’800
in una cupa contrada
dove i diffidenti radicenesi
mi accolsero con apparente garbo.

Era un paese povero
infestato da una antica rabbia
con strade fangose
esigue case palaziate
ed un vulgo
eroso dal nobiliare asservimento
e dalla opprimente tisi.

Rimasi per tutta la vita
in questo umido pianoro
nascosto ancora giovane
tra i crepuscoli vaghi
della mia cecità.

Come Democrito di Abdera
non mi strappai gli occhi per pensare
fu il destino a farmi vivere
tra le ombre
per eludere gli specchi
delle cose infinite e care
che alla fine rimangono
tra gli anfratti di un tempo
senza colore e senza memoria.

Partecipa alla discussione