Scritto da redazione online - Lunedì 28 Ottobre 2013 19:10

Candele e incenso a rischio tossicità: non fare affidamento alle etichette

Bruciare incenso e candele profumate, una pratica dannosa per la salute. Meglio gli oli essenziali, in assenza di una disciplina nazionale ed europea

 

 

Se prima le candele e gli incensi erano riservati ai luoghi sacri o per creare un'atmosfera contemplativa e a volte addirittura mistica anche per gli effetti parallucinogeni o quasi narcotici che l'accumularsi di fumi profumati generavano in chi vi si esponeva, ormai è divenuta una vera e propria moda consacrata, è proprio il caso di dirlo, in ogni dove: nelle case e nei locali pubblici, candele colorate e dalle forme più variegate, ma anche incensi per profumare gli ambienti di fragranze esotiche. Pochi però, pochissimi, a parte forse i soggetti allergici o infastiditi dai fumi, si sono interrogati se tali pratiche siano dannose per la salute.
Solo in Francia, proprio di recente, è addirittura intervenuto il governo che ha annunciato di prevedere di vietare, in pochi mesi, le candele profumate e gli incensi più inquinanti. Nel frattempo, però, è ovvio che risulta quasi impossibile per il consumatore, nel paese transalpino così come in Italia, riconoscere sugli scaffali un prodotto sicuro.
Perché è un dato pressoché certo che si tratti di un vero e proprio cocktail di sostanze chimiche che fuoriesce dall'incenso e dalle candele profumate, a volte anche tossico. Alcuni di questi prodotti, o meglio la maggior parte, appaiono a noi consumatori per lo più innocui, per la loro caratteristica intrinseca di trasmettere odori gradevoli nelle nostre case.
Il Ministero dell'ecologia ha allora annunciato mercoledì scorso un vero e proprio "piano d'azione sulla qualità dell'aria indoor" che prevede di vietare quelli che tra questi prodotti risultano più dannosi per la salute. E il dicastero in questione avrebbe già approntato una lista nera dei prodotti vietati, mentre gli ordini di divieto dovranno essere previsti nei prossimi mesi.
Una delle più potenti associazioni dei consumatori d'Oltralpe, l'UFC Que Choisir che ha condotto uno studio comparativo nel 2009 sulla tossicità di questi prodotti, ha rilevato come incensi e candele profumate possano emettere "particelle di formaldeide e benzene, due sostanze certamente cancerogene, alcuni acetaldeide, un possibile cancerogeno, toluene, un idrocarburo aromatico neurotossico, e ancora alcuni altri composti ritenuti sospetti per la nocività sulla salute.
I risultati hanno dimostrato che l'incenso era più dannoso delle candele per la salute. Ma come ha tenuto a precisare Ludivine Ferrer, direttore della Association salute ambientale (ASEF), al momento non esistono informazioni per i consumatori per scegliere prodotti innocui.
Quindi come scegliere prodotti innocui?
L'etichettatura di candele e incenso è illeggibile o d'impossibile comprensione per il consumatore medio.
Le sostanze chimiche tossiche generalmente non sono riportate sulle etichette. La menzione del benzene o della formaldeide non appare come tale. Se non si è esperti in chimica, è molto difficile valutare la tossicità del prodotto.
Attualmente, sia In Italia come nel resto dell'UE, non esiste alcun obbligo di etichettatura di candele e incenso sulle loro composizioni e emissioni inquinanti volatili, e quindi, non essendovi obblighi di legge o regolamentari, nessun produttore ha interesse a citare eventuali prodotti nocivi sull'etichetta. Comunque, è pur vero che è complicato stabilire l'effettiva tossicità a priori, poiché subiscono una trasformazione durante il loro utilizzo. In altre parole, la combustione provoca emissioni di sostanze che non sono contenute nei prodotti di origine. È quindi impossibile sapere leggendo l'etichetta, se è probabile che il prodotto emetta composti tossici.
Per porre rimedio almeno in parte alla situazione, il governo francese ha comunicato nel documento presentato mercoledì che "l'azione sarà proposta nel contesto della PNSE3 (NDR: il prossimo piano nazionale salute-ambiente), che sarà adottato nell'estate 2014, e che prevede l'etichettatura obbligatoria per tutti i prodotti deodoranti (e tra questi incenso, candele) e prodotti per la cura personale".
Alla luce di questa presa di posizione a tutela della salute da parte dell'esecutivo francese in un settore evidentemente non regolamentato né negli stati membri né nel resto dell'UE, Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", prima che l'Italia e le istituzioni europee prendano atto che è necessario intervenire con un regolamento comune in materia di prodotti deodoranti attraverso l'introduzione dell'obbligatorietà generalizzata di un'etichettatura più trasparente ed il divieto immediato di prodotti nocivi, la nostra associazione che si occupa anche della tutela dei consumatori e della salute dei cittadini, rileva ed è d'accordo con le ong francesi che hanno stabilito come non sia generalmente raccomandato l'uso d'incenso o di candele profumate.
Gli studi effettuati che abbiamo accennato, infatti, hanno dimostrato che questi prodotti presentano gravi rischi per la salute anche quando vengono utilizzati solo una volta al mese, così come fa il 15% dei francesi, ma anche una gran parte degli italiani.
Lo "Sportello dei Diritti", sulla falsariga di quanto evidenziato da autorevoli istituzioni transalpine, per sopperire all'esigenza di deodorare gli ambienti con profumi simili a quelle dei prodotti su evidenziati, raccomanda gli oli essenziali, che possono essere diffusi nell'aria con un sistema di piccola ventilazione o con degli umidificatori. Sono, infatti, prodotti sicuri e sono sempre più facili da trovare in vendita al dettaglio.


| Stampa |  E-mail
 

Ambiente e Agricoltura

La buona e sana cucina della Sibaritide
2014-03-22 16:25:30 Ambiente ed Agricoltura

Pizza al moscato di Saracena e caciocavallo di Ciminà fiori all'occhiello delle prelibatezze made in Calabria

...

2014-03-07 17:42:22 Ambiente ed Agricoltura

Si parlerà di vini il prossimo 10 marzo all'enoteca regionale della Provincia di Cosenza

...

2014-03-03 08:01:25 Ambiente ed Agricoltura

Storie diverse, quantità produttive differenti ma un unico obiettivo: l'eccellenza per distinguersi sui mercati internazionali. Nessuna concorrenza tra territori ma, anzi, possibili sinergie. Se ne parlerà a Trieste, in occasione di Olio Capitale, il prossimo 7 marzo, alle ore 11, al Salone Oceania

...

2014-02-20 17:52:30 Ambiente ed Agricoltura

I vip del Festival deliziati dalle prelibatezze culinarie calabre

...

2014-02-06 10:16:14 Ambiente ed Agricoltura

Una tecnica innovativa, messa a punto nei laboratori di Chimica dell'Università della Calabria, d'ora in avanti consentirà di stabilire con precisione assoluta la freschezza dell'olio d'oliva 

...

2014-02-04 18:03:25 Ambiente ed Agricoltura

Il Ristorante-pizzeria "Il Nido" propone serate a tema per chi ha scelto di restare in Calabria

...

2014-01-13 15:33:39 Ambiente ed Agricoltura

Presente anche la "vera" storia del riconoscimento Unesco. Roberto Capone e Stefania Lapedota hanno curato la pubblicazione di "MediTerra" e "DM modello di alimentazione sostenibile"

...

2013-11-08 16:18:08 Ambiente ed Agricoltura

All'azienda "Valle del Colagnati" il premio Internazionale "Franci"

...

2013-11-07 17:28:05 Ambiente ed Agricoltura

A produrlo l'azienda spagnola Air-Lift

...

2013-10-22 15:49:28 Ambiente ed Agricoltura

Selezionati 272 migliori su oltre 25mila. "3 bottiglie" per la prima del Rossoviola 2011

...

2013-10-21 16:37:54 Ambiente ed Agricoltura

La Calabria riparte dalla certezza degli oliveti

...

2013-09-22 13:47:07 Ambiente ed Agricoltura

All'approssimarsi della nuova campagna olivicola, che interesserà quella larghissima parte del pianeta (emisfero nord) che contribuisce alla produzione di circa il 98% dell'olio da olive mondiale, Roma ospiterà la cerimonia di premiazione della sezione italiana del concorso internazionale "OLIVINUS ARGENTINA"

...

2013-07-22 14:54:11 Ambiente ed Agricoltura

La nuova bibita al bergamotto delizierà i palati fini dei calabresi

...

2013-06-12 10:15:58 Ambiente ed Agricoltura

Ha visto la partecipazione di quasi 500 oli extravergine finalisti provenienti da Argentina, Cile, Croazia, Francia, Grecia, Israele, Italia, Libano, Marocco, Perù, Portogallo, Slovenia, Spagna, Stati Uniti d'America, Sud Africa, Turchia, Tunisia e Uruguay

...

2013-02-11 10:06:13 Ambiente ed Agricoltura

I consumatori preoccupati reclamano più controlli. Allarme per infiltrazioni della criminalità organizzata

...

2013-02-02 16:12:12 Ambiente ed Agricoltura

Dal 5 al 10 febbraio

...

2013-01-28 17:15:08 Ambiente ed Agricoltura

La fiera internazionale si svolgerà a Berlino dal 6 all'8 febbraio

...

2013-01-05 08:42:07 Ambiente ed Agricoltura

Prodotto con olive delle stesse campagne de "La Regina" di Michelle Obama

...

2012-12-14 09:47:47 Ambiente ed Agricoltura

La presentazione domenica a Roma, al "The westin excelsior" di via Veneto. L'extravergine dell'anno è pugliese

...

2012-12-07 07:58:49 Ambiente ed Agricoltura

Senza semi e con una buccia molto sottile

...

2012-11-20 11:27:52 Ambiente ed Agricoltura

Punturiero:"La richiesta è abbastanza elevata ma la maturazione dei frutti risulta ritardata"

...

Arte e Cultura

Ritorna il "Maggio dei Libri"

Dal 23 Aprile al 31 Maggio si svolgerà l...

Katia Debora Melis e i suoi "Passaggi minimi"

6

Pubblicato dalla casa editr...

Al Museo archeologico di Reggio Calabria la mostra "I Bronzi di Riace. Nostos. Il ritorno"
"Rosso", ecco il sedicesimo capitolo del libro di Mario Aloe
Venezia, premio biennale "La gondola dell'arte"

La rubrica di Mirella

Cari magistrati, ma di quale libertà si parla?

La nostra scrittrice Mirella Maria Michie...

Cara Mazzantini, che delusione questo tuo "Splendore"

La nostra scrittrice rifiuta l'assurdo lu...

Buon Natale a tutti i lettori di Approdonews
...E Beccaria ancora una volta si rivoltò nella tomba
Attenzione all'effetto boomerang!

La rubrica medica del Dott. Amuso

Lipidomic profile

Valutazione del profilo degli acidi grass...

Gonorrea, pediculosi e tricomoniasi

Ultimo appuntamento per il dott. Amuso co...

Linfogranuloma venereo, sifilide e candilomi
Clamidia ed Epatiti
Scabbia e ulcera molle o cancroide

Un coach per amico

Se dai un aiuto....sei il benvenuto!

Il nostro coach ci invita a riflettere su...

Costruttori o distruttori? Questione di coscienza collettiva

Il nostro coach ci aiuta a capire qu...

Giudicate voi!
Perché con alcuni funziona e con altri no?
Vuoi essere felice o vuoi avere ragione?

La lanterna di Diogene

La lanterna di Diogene

«Perché esiste il male in questo mondo?...

La lanterna di Diogene

Le CHICCHE della Lanterna di Diogene

...

La lanterna di Diogene

E le casse erano piene, anzi erano vuote,...

La lanterna di Diogene
La lanterna di Diogene
La lanterna di Diogene

Sparo a zero

Per un mondo migliore

Breve riflessione dell'avvocato Cardona s...

La fabbrica degli imbecilli

L'avvocato Cardona sul tema della demenzi...

Tutto scorre...
Certificato pedofilo!
La verità vi farà liberi (Giovanni 8:32)

Le fiabe di nonna Gabriella

Axa axa bitta

Ecco la seconda ed ultima parte del racco...

Axa axa bitta

Mistero e suspance in questo nuovo raccon...

Filastrocca pasquale

Finite le Storie dal giardino, ecco una f...

Jo-Jo e Briciola
Il viaggio di Romero
La grande Magnolia e il piccolo Ibiscus

Lo sportello dei diritti

Interessi di mora in calo dal 1° maggio 2014

Il corrispettivo sarà più leggero per l...

Virus killer scompare dal laboratorio francese
Annullate le intimazioni di pagamento se Equitalia non produce le cartelle esattoriali
Sicurezza Alimentare: gli Usa producono una"lista nera" di alcuni cibi
CRAI - La Cometa
Banner
Banner
Banner

Hekenga

Il Trovanotizie
Canale Approdo TV

osservatorio

popolari logo

logo aisvec

Meteo

Meteo Calabria



Approdo News - Testata giornalistica registrata al Tribunale di Palmi (RC) N° 1/09
Direttore Responsabile: Salvatore Lazzaro, Direttore Editoriale: Antonio Marziale, Fondatore: Luigi Longo, Caporedattore: Teresa Cosmano
Cooperativa Mes P.IVA 02689220800 - Direzione e Redazione Taurianova (RC), via Sila 8 - Tel. 0966/612488 - cell: 339 2747532