Notte di paura nel reggino per un forte terremoto (3.7) | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Notte di paura nel reggino per un forte terremoto (3.7) L'epicentro è stato registrato a 2km da Sant'Alessio. Molte persone hanno trascorso la notte in macchina

Notte di paura nel reggino per un forte terremoto (3.7) L'epicentro è stato registrato a 2km da Sant'Alessio. Molte persone hanno trascorso la notte in macchina
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Tanta paura ma per fortuna nessun danno registrato a persone o cose dopo la forte scossa di terremoto che stanotte ha tenuto svegli migliaia di reggini. Alle 3.16 un sisma ondulatorio di magnitudo 3.7 con epicentro a 2km da Sant’Alessio (a poca distanza dai Comuni di Laganadi, San Roberto, Calanna, e Santo Stefano), preceduto da un forte boato, ha fatto tremare per alcuni interminabili secondi mobili e pareti delle abitazioni turbando la quiete dell’intera provincia. L’evento, consumatosi a 19 km di profondità, è stato avvertito nitidamente in tutti i comuni della Piana di Gioia Tauro, con particolare intensità nei centri pre-aspromontani. Ma numerose segnalazioni sono giunte anche da Taurianova, Polistena, Palmi, Gioia Tauro, Rosarno. Tantissime le persone, specie nella città di Reggio Calabria, che hanno scelto di passare la notte in macchina nonostante il freddo e la pioggia battente che sta interessando da ieri la zona. La scossa delle 3.16 è stata preceduta da altre due piccole scosse di intensità 2.2 e 2.3 all’ 1.47 e alle 2.10 registrate nella zona della costa siciliana nord orientale (Messina) tanto che si parla di un vero e proprio sciame sismico che ha interessato lo Stretto. I social network più usati come ‘fb’ sono stati letteralmente presi d’assalto dagli utenti con un tam tam di messaggi. Numerose le famiglie che stamattina hanno scelto di non mandare i propri figli a scuola anche se in tal senso non vi è stata alcuna comunicazione ufficiale. VVff e Protezione Civile sono comunque impegnati nei sopralluoghi di verifica degli edifici pubblici ed è stato raccomandato di mantenere la dovuta allerta e di seguire le indicazioni e i comportamenti da tenere in caso di emergenza. Secondo i dati dell’Ingv, l’evento tellurico è stato nettamente avvertito dalla popolazione di Calabria e Sicilia, e, nello specifico, nei comuni di Barcellona Pozzo di Gotto, Gualtieri Sicaminò, Itala, Messina, Venetico, Villafranca Tirrena, Anoia, Antonimina, Bagnara Calabra, Campo Calabro, Cittanova, Delianuova, Galatro, Gioia Tauro, Montebello Ionico, Palmi, Reggio di Calabria, San Giorgio Morgeto, Santo Stefano in Aspromonte, Scilla, Seminara, Taurianova, Villa San Giovanni, Filandari, Parghelia, San Costantino Calabro, Stefanaconi, Vibo Valentia.

Partecipa alla discussione