Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

A Gioia Tauro “Alda Merini: il canto dei diversi”

A Gioia Tauro “Alda Merini: il canto dei diversi”
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Dieci anni fa cessava di vivere Alda Merini, indimenticabile rappresentante della poesia italiana del Novecento che, attraverso la sua poetica, ha dato voce alle tante sfaccettature della sofferenza psicologica, descrivendo le aberrazioni della realtà manicomiale e sottolineando il problema sociale della non accettazione del “diverso”.
Per celebrare la grande intellettuale e affrontare le importanti tematiche sociali legate alla sua poetica, l’Amministrazione Comunale di Gioia Tauro, Assessorato alla Cultura, ha ritenuto opportuno organizzare un ciclo di incontri dal titolo “Alda Merini: il canto dei diversi”.
L’iniziativa è stata fortemente voluta dall’Assessore alla Cultura, Carmen Moliterno, che ha inteso celebrare il genio femminile della poetessa scomparsa e, allo stesso tempo, porre all’attenzione della comunità un tema così attuale e complesso come quello dei disturbi psicologici legati alla sfera sociale, approfondendone i contenuti con autorevoli esperti.
La manifestazione si realizzerà attraverso tre appuntamenti, il primo dei quali avrà luogo sabato 9 novembre 2019, alle ore 18.00, nei locali della biblioteca comunale con la presentazione del libro di Michele Caccamo “Il segno clinico di Alda”.
All’incontro, che sarà introdotto dal sindaco della città, Aldo Alessio, e dall’Assessore alla Cultura, Carmen Moliterno, interverranno, oltre all’autore, Vincenzo Russo, consigliere comunale, Giuseppe Calandruccio, psichiatra, Giuseppe Zampogna, vice presidente O.M.C. e O. di Reggio Calabria e il musicista Mimmo Locasciulli.
L’appuntamento successivo è per il 15 novembre 2019, sempre nei locali della biblioteca comunale, con un incontro dal titolo “La mente inquieta: la depressione, l’ansia e le ossessioni”.
Dopo i saluti istituzionali, affronteranno le delicate tematiche descritte lo psichiatra Giuseppe Calandruccio, le psicologhe Ilaria Bagnoli e il presidente dell’ordine dei medici di Reggio Calabria Pasquale Veneziano.
Si conclude il 23 novembre, a Sala Fallara, con il tema “Alda Merini – Amare è soffrire? Dalle disfunzioni sessuali all’amore violento”, con gli interventi dell’assessore alle Politiche sociali, Francesca Guerrisi, del presidente del consiglio regionale, Nicola Irto, dello psichiatra Giuseppe Calandruccio, del vice presidente O.M.C. e O. di Reggio Calabria Giuseppe zampogna, della presidente della Commissione Pari Opportunità Cinzia Nava e della psicologa Iaria Bagnoli.

Partecipa alla discussione