Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

A Santa Cristina D’Aspromonte, iniziativa legambiente scuola Lodevole iniziativa, quella promossa, lo scorso 3 dicembre a Santa Cristina d’Aspromonte

A Santa Cristina D’Aspromonte, iniziativa legambiente scuola Lodevole iniziativa, quella promossa, lo scorso 3 dicembre a Santa Cristina d’Aspromonte
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Di Angela Strano

SANTA CRISTINA D’ASPROMONTE – Lodevole iniziativa, quella promossa, lo scorso 3 dicembre a Santa Cristina d’Aspromonte, dall’Ente Parco d’Aspromonte, da Legambiente e dall’Istituto Comprensivo Oppido – Molochio – Varapodio. In particolare, sono stati coinvolti i bambini della scuola primaria di Santa Cristina e della scuola primaria di Santa Domenica di Ricadi, in un progetto di educazione ambientale che si è concretizzato nella messa a dimora di 12 alberelli intorno al campo sportivo e nello svolgimneto di giochi inerenti il tema del bosco e del rispetto dello stesso. A coordinare l’evento Antonio Morabito responsabile nazionale Fauna di Legambiente, coadiuvato da diversi volontari; Morabito ha spiegato che “piantare gli alberelli significa coltivare l’amicizia come oggi avviene tra le scuole dei due paesi coinvolti, e, inoltre, uno di questi alberi sarà dedicato al direttore del Parco Sergio Tralongo scomparso prematuramente circa un mese fa”. A portare i saluti dell’amministrazione comunale, il vicesindaco Caterina Epifanio, che ha ribadito l’importanza di iniziative come questa per creare una sensibilità comune su un tema importante come quello dell’ambiente. “Oggi facciamo rete tra scuole”, ha detto il dirigente scolastico Ferdinando Rotolo, “attraverso questo gesto di educazione ambientale, finalizzato a far si che i bambini comprendano come sia necessario curare l’ambiente che li circonda”. La responsabile della scuola di Santa Domenica ha spiegato che “non è la prima volta che collaboriamo con Legambiente ma questo tipo di iniziativa è davvero significativa”. Il vice presidente del Parco d’Aspromonte, Domenico Creazzo, intervenendo, ha ricordato come ”l’Ente nasce per difendere e valorizzare l’ambiente e nel gesto di piantare gli alberelli questi aspetti si realizzano concretamente, nello stesso tempo la presenza di diverse istituzioni dimostra l’importanza di lavorare in sinergia”. Creazzo ha voluto ricordare, inolte, la figura del compianto direttore. Alla manifestazione era presente il colonnello Giorgio Borrelli, comandante regionale dei Carabinieri-Forestali, il quale ha parlato di un segno di attenzione verso l’ambiente, sottolinenado che gli alberi rappresentano il nostro futuro, come lo sono i bambini presenti. Antonio Barca, guida del Parco, si è rivolto ai ragazzi invitandoli ad amare la natura, perchè ad essa è laegato anche il nostro benessere fisico. Infine il parroco ha ricordato che, per chi crede, l’ambiente naturale è stato creato da Dio e va tutelato e rispettato. I bambini delle due scuole hanno sugellato la loro amicizia con un pranzo condiviso e lo scambio di targhe.

Partecipa alla discussione