Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

All’ospedale di Polistena arriva il cardiologo Amodeo Michele Galimi, dirigente regionale del Partito Democratico: "Siamo soddisfatti per le qualità umane e professionali che hanno sempre accompagnato la vita del professionista arrivato"

All’ospedale di Polistena arriva il cardiologo Amodeo Michele Galimi, dirigente regionale del Partito Democratico: "Siamo soddisfatti per le qualità umane e professionali che hanno sempre accompagnato la vita del professionista arrivato"
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“L’arrivo del dottor Enzo Amodeo, stimato cardiologo, presso l’omonimo reparto del Presidio Ospedaliero di Polistena, potenzia un reparto che già forniva servizi qualificati agli utenti del territorio”. Così si esprime Michele Galimi, dirigente regionale del Partito Democratico. “Siamo consapevoli, continua Galimi, che ancora si registra qualche carenza di organico, ma oggi siamo soddisfatti per le qualità umane e professionali che hanno sempre accompagnato la vita del professionista arrivato. Vogliamo cogliere l’occasione per congratularci con il dott. Amodeo per la sua elezione nei quindici medici cardiologi che compongono il direttivo nazionale de l’ANMCO
(associazione Nazionale medici cardiologi ospedalieri)”.

“Penso sia motivo di soddisfazione per noi tutti sapere che, appunto, dal congresso nazionale di Rimini, da poco concluso, un reggino, dopo circa 50 anni, siederà in questo importante organismo. La nostra battaglia ed il nostro impegno dovranno ora essere indirizzati a concretizzare quella parte dell’atto aziendale che autorizza l’Emodinamica presso l’ospedale di Polistena. Sarebbe una grande conquista per la popolazione della piana,e non solo, che si potrebbe avvalere anche della collaborazione e dell’esperienza del dott. Ciro Indolfi, valente primario della struttura di Germaneto. Una rinnovata attenzione, conclude Galimi, che dovrà vederci tutti dalla stessa parte per garantire anche alla nostra gente i servizi sanitari che merita”.

Partecipa alla discussione