Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Arrestate due persone e deferita un’altra per smercio di droga I Carabinieri della compagnia di Roccella Jonica hanno effettuato un servizio di controllo del territorio

Arrestate due persone e deferita un’altra per smercio di droga I Carabinieri della compagnia di Roccella Jonica hanno effettuato un servizio di controllo del territorio
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Nel fine settimana appena trascorso, i carabinieri della compagnia di Roccella Jonica hanno effettuato un servizio di controllo del territorio finalizzato alla repressione dello smercio di droga in tutta la località roccellese.
Il predetto servizio ha portato all’arresto di due persone ed in un’altra distinta occasione, il deferimento di un’altra, accusati di detenzione di quasi un kg di marijuana.
In particolare, i carabinieri della stazione di Caulonia Marina assieme ai colleghi della stazione di Riace e a quelli dei Cacciatori di Calabria hanno arrestato in flagranza di reato Mammone Marcello, 38 enne di Caulonia e la compagnia Ienco Daniela, 37enne, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sorpresi detenere oltre mezzo kg di marijuana. I due infatti, alla vista dei militari alla loro porta, hanno cercato di disfarsi di parte della marijuana lanciandola dalla finestra del bagno. Recuperata la droga e effettuata un’approfondita perquisizione domiciliare, i militari dell’Arma hanno rinvenuto altra marijuana all’interno di un barattolo in vetro posto nell’orto di loro proprietà.
In un’altra distinta occasione, sempre gli stessi militari, hanno deferito in stato di libertà un 30enne incensurato del posto in quanto a seguito di perquisizione veniva rinvenuto sotto un’autovettura di sua proprietà un involucro in cellophane contenente oltre 200 grammi di marijuana.
Tutto lo stupefacente rinvenuto è stato sequestrato e sarà inviato al RIS di Messina per le analisi del caso. Mammone è stato tradotto presso il carcere di Locri e la compagnia è stata ristretta in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione cosi come disposto dall’autorità giudiziaria locrese.

Partecipa alla discussione