Attenzione all’effetto boomerang! | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Attenzione all’effetto boomerang!

Attenzione all’effetto boomerang!
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

La nostra scrittrice Mirella Maria Michienzi commenta la decisione del sindaco di Rosarno di installare la statua che raffigura la mano dell’uomo che colpì Berlusconi in viso con la statuetta del Duomo di Milano

Il sindaco di Rosarno precisa: “Mai autorizzato la statua nella mia città”. All’interno della news la precisazione della redazione di Approdonews

di MIRELLA MARIA MICHIENZI

Attenzione all’effetto boomerang!

La nostra scrittrice Mirella Maria Michienzi commenta la decisione del sindaco di Rosarno di installare la statua che raffigura la mano dell’uomo che colpì Berlusconi in viso con la statuetta del Duomo di Milano

 

di Mirella Maria Michienzi

 

 

Gentile Direttore,
la Calabria, purtroppo, è una terra dove la violenza è, ancora, tanta da non fare affiorare la pace a cui tutti aspiriamo.
Nei giorni scorsi leggere che il Premio ” Ferrara, città per la pace” è stato assegnato a molte donne calabresi, che combattono coraggiosamente contro la ‘ndragheta, mi ha inorgoglita e come calabrese e come donna. Con mia grande gioia è stata insignita anche la dott. E. Tripodi, Sindaco di Rosarno, che ho conosciuto personalmente a Reggio Calabria quando ci fu assegnato, seppure per diverse motivazioni, il Premio Mimosa 2011. In quell’occasione le espressi la mia ammirazione e la incitai a proseguire sul cammino iniziato.
Però, leggendo che, dopo pochi giorni da tale Premio per la Pace, nel Comune di Rosarno il Sindaco ha permesso di installare una statua, che raffigura una grande mano con l’oggetto che fu lanciato contro il viso di Berlusconi, ne sono rimasta inorridita. (Ci tengo a ribadire installare che è ben diverso da erigere o innalzare!).
E’ questa la pace che si vuole?
E’ questa la pace che si cerca?
E’ questa la pace cui si riferisce il Premio Ferrara?
Per me questa statua è un elogio e un incitamento alla violenza. Nessuno ha pensato a quanti bambini e ragazzi possano essere influenzati negativamente? Nessuno ha pensato alla pericolosità del cattivo esempio sulle menti fragili o in formazione? L’arte è una colonna portante dell’educazione e nessuno, dico nessuno, si può arrogare il diritto di defenestrarla da tale ruolo. Il mio raccapriccio aumenta se penso che il tutto proviene dalle cosiddette classi intellettuali.
Il Sindaco Tripodi interpellato ha detto che si tratta di una statua itinerante. Ciò anziché giustificare, a mio avviso, peggiora la situazione, perché diviene oltremodo pericolosa e riprovevole.
Come pedagogista suggerirei di fare delle lezioni itineranti sotto la statua contro la violenza! Forse sarebbe il modo migliore per salvare capre e cavoli.
Attenzione, certi comportamenti leggeri, superficiali e osannanti la violenza si tramutano, prima o poi, in boomerang!

IL SINDACO DI ROSARNO ELISABETTA TRIPODI PRECISA

La Redazione di Approdonews comunica che il sindaco di Rosarno ha precisato da pochi minuti che non ha mai commissionato l’incriminata statua. Tale opera è stata posizionata a Rosarno per 24 ore a fini fotografici. La polizia municipale ha sempre presidiato il luogo. Certamente se tali precisazioni ci fossero pervenute dopo il primo articolo, fatto da una parte politicamente avversa, certamente la scrittrice Michienzi non avrebbe fatto alcun commento. A nostro modesto avviso, anche se l’opera era “velata” non bisognava consentire l’installazione nemmeno per 24 minuti e con le forze dell’ordine, che fortunatamente erano presenti, bisogna rimuoverla subito. La scrittrice rinnova al Sindaco di Rosarno la stima, gli auguri e i complimenti che le fece a marzo 2011 a Reggio Calabria. Cordiali saluti

 

Partecipa alla discussione