Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Buone notizie per gli amanti del caffè: gli scienziati hanno scoperto i benefici del caffè nella lotta contro il cancro

Buone notizie per gli amanti del caffè: gli scienziati hanno scoperto i benefici del caffè nella lotta contro il cancro
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Noi italiani non sappiamo proprio rinunciare alla tazzina di caffè quotidiana, che oltre ad essere un’abitudine sociale consolidata e per la gran parte insostituibile, porterebbe anche ad effetti benefici sulla nostra salute, secondo una ricerca presentata a novembre in una conferenza del National Cancer Research Institute. Un gruppo di studio del Regno Unito ha scoperto che i bevitori di caffè hanno un rischio inferiore di sviluppare il tipo più comune di cancro al fegato: il carcinoma epatocellulare (HCC). studio è stato effettuato nel Regno Unito per oltre 7,5 anni, i risultati sono stati presentati a novembre in una conferenza del National Cancer Research Institute. Il nuovo lavoro ha esaminato le abitudini di bere caffè da 471.779 partecipanti alla British Biobank, uno dei più grandi archivi di informazioni genetiche per un gruppo di persone di mezza età nel mondo. I risultati complessivi del gruppo di ricerca hanno mostrato che i bevitori di caffè hanno meno probabilità di avere il carcinoma epatocellulare, la forma più comune di cancro al fegato, rispetto alle persone che non hanno bevuto il caffè. I ricercatori hanno scoperto che i bevitori di caffè hanno il 50% in meno di probabilità di sviluppare HCC rispetto a coloro che non hanno bevuto caffè. – Le persone che hanno l’abitudine di bere il caffè possono scoprire che questa abitudine fa bene alla salute. Questo perché il caffè contiene antiossidanti e caffeina, che possono proteggere dal cancro. Tuttavia, solo bere caffè non protegge dal cancro al fegato quanto smettere di fumare, ridurre il consumo di alcol o perdere peso “, ha detto l’autore Kim Tu Tran. I risultati del cancro al fegato sono coerenti con il rapporto del World Cancer Research Fund, che ha concluso che esistono prove “probabili” che bere caffè riduce il rischio di cancro al fegato. Una ulteriore conferma anche secondo una ricerca pubblicata sull’autorevole rivista scientifica International Journal of Cancer, dal dipartimento di epidemiologia e prevenzione presso l’Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed (I.R.C.C.S.) con sede nella provincia di Isernia. Lo studio ha riguardato i dati clinici rivenienti da ben 7mila uomini in Molise, il cui livello di salute è stato monitorato per 5 anni dal 2005 al 2010. Dai risultati, ottenuti a seguito dell’analisi di vari estratti di caffè e della loro azione sulle cellule del tumore, i ricercatori hanno scoperto una riduzione pari al 53% del carcinoma della prostata negli uomini che ne bevevano almeno tre tazzine al giorno. «L’analisi delle cellule cancerogene sui 7mila partecipanti allo studio ci consente di affermare che il caffè ha un effetto benefico sul tumore, un fatto molto probabilmente dovuto alla caffeina, piuttosto che alle altre sostanze contenute nel caffè», ha spiegato la dottoressa Maria Benedetta Donati, a capo del laboratorio di medicina traslazionale presso l’istituto I.R.C.C.S.. La ricercatrice ha tuttavia precisato che non tutti i tipi di caffè sono stati analizzati né vengono ritenuti benefici in questo senso: solo l’espresso fatto nella maniera tradizionale italiana – alta pressione, acqua bollente, senza filtri – ha offerto questi risultati positivi per la ricerca. «Questo metodo di preparazione è diverso da vari altri metodi impiegati in differenti zone del mondo. Il nostro espresso, fatto in quella maniera, contiene una maggiore concentrazione di sostanze bioattive», ha continuato l’esperta. «Sarebbe davvero interessante esplorare più a fondo questo aspetto; il caffè è parte integrante dello stile di vita di noi italiani, che – è bene ricordare – non è dato solo dal tipo di cibo e bevande che consumiamo, ma anche dai metodi di preparazione». Insomma, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, un motivo in più per continuare a bere il caffè con la giusta moderazione e senza superare le tre classiche tazzine quotidiane.

Partecipa alla discussione