Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Calabria dichiara guerra alla plastica nei mari e nelle spiagge La giunta regionale ha approvato il piano d'azione che si prefigge la valorizzazione delle coste e uno sviluppo territoriale ecosostenibile

Calabria dichiara guerra alla plastica nei mari e nelle spiagge La giunta regionale ha approvato il piano d'azione che si prefigge la valorizzazione delle coste e uno sviluppo territoriale ecosostenibile
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

di Nelly Dogali

Dall’ultima indagine di Legambiente, la “Beach litter 2019”, sulle spiagge italiane incrociamo dieci rifiuti ogni passo. E gran parte di questi rifiuti è composta da plastica monouso, come bottiglie, cannucce e buste. La recente direttiva europea prende in esame questo tema urgente per ridurre il generale consumo di plastica e il marine litter, cioè i rifiuti dispersi in mare o lungo le coste. In linea con le direttive europee, la giunta regionale, presieduta dal governatore Mario Oliverio, tramite la delibera proposta dall’assessore all’ambiente Antonella Rizzo e dall’assessore all’urbanistica Franco Rossi, ha approvato il piano d’azione per la riduzione del marine litter con l’obiettivo di valorizzare le nostre coste e lo sviluppo territoriale sostenibile.

Come ha dichiarato il consigliere regionale Orlandino Greco “la plastica rappresenta la principale causa di inquinamento dei mari e dei corsi fluviali, un danno che ha effetti devastanti sull’ecosistema e che distrugge anche le cornici paesaggistiche di una regione come la Calabria che ha uno straordinario potenziale proprio sul piano ambientale. Il danno ambientale causato impone un cambiamento di abitudini e stili di vita non più procrastinabile”.

Anche la Calabria, quindi, entra in campo per proteggere il suo patrimonio ambientale inestimabile con azioni concrete e attua i cambiamenti imposti dalla Commissione Europea impegnandosi così in un piano che porterà a bandire l’uso della plastica in tutti i comuni dei territorio regionale entro il 2021. Affinché il piano green si concretizzi sarà necessario guidare i cittadini a compiere scelte consapevoli, come dichiara il direttore generale di Legambiente Giorgio Zampetti: “Senza un cambio di passo culturale otterremo solo un piccolo risultato e non saremo in grado di uscire dall’emergenza dei rifiuti in mare”. Oltre a riparare al danno odierno, la giunta dovrà prendere in considerazione i comportamenti irrispettosi dell’ambiente dei cittadini: prevenire i rifiuti futuri, non abusare della plastica e adottare stili di vita più sostenibili sono una chiave imprescindibile del cambiamento.

Discussione (1 commenti)

  1. Amalia

    Lo spero ardentemente che si concretizzi questo obiettivo,” libera la Calabria dalla plastica”

Partecipa alla discussione