Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Calcio, giorni cruciali per il futuro della Palmese Ombre scure e futuro incerto per la squadra neroverde

Calcio, giorni cruciali per il futuro della Palmese Ombre scure e futuro incerto per la squadra neroverde
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

di Sigfrido Parrello

PALMI – Silenzio, segretezza, ombre scure e poche certezze su quello che potrebbe essere il futuro definitivo del club neroverde. Futuro per la ultracentenaria U.S. Palmese 1912 che è in salita, ma ancora tutto da scrivere. Dissequestro del club oppure gestione provvisoria? E’ questa la parola chiave che nei prossimi giorni, forse nelle prossime ore, riguarderà il futuro della Palmese. Tutto ciò a due mesi dalla fine della stagione del miracolo.

Tanti i tentativi che si stanno portando avanti tra richieste, ricorsi e udienze nei Palazzi del calcio e nelle aule dei tribunali per salvare la Palmese, mentre sotto gli ombrelloni, sui social, nei bar e sulle panchine di Palmi si è tornati a parlare di un grande interrogativo: cosa ne sarà dei neroverdi? Nessuna conferma, nessuna risposta ufficiale, tante voci, qualcuna attendibile, qualcun’altra meno. Nel mentre il tempo incalza, si avvicina anche la prima scadenza quando le Società devono, a pena di decadenza, nel periodo compreso dall’8 Luglio 2019 al 12 Luglio 2019 entro le ore 18:00, formalizzare l’iscrizione al campionato provvedendo, secondo la modalità on-line, alla compilazione definitiva e relativo invio telematico della richiesta di iscrizione al Campionato Nazionale di Serie D e della modulistica allegata. Termine ultimo per tale operazione il 12/7/2019 alle ore 18:00, decorso il quale il sistema non accetterà alcuna operazione relativa alla richiesta di iscrizione.

Giorni frenetici e snervanti ma nello stesso tempo pieni di passione e determinazione quelli che sta vivendo il giovane Direttore Generale Nicola Esposito il quale sta intensificando le trattative avviate su diversi fronti. Proprio nel pomeriggio di sabato 29 Giugno 2019 c’è stato un incontro dove, all’interno della sede sociale sita presso il “Lopresti”, si sono visti e seduti a tavolino lo stesso Nicola Esposito, il papà Piero e il consigliere comunale di Palmi con delega allo sport, Giuseppe Magazzù. Riunione che con ogni probabilità sarà servita per far presente alla Giunta comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Ranuccio, la delicata situazione che sta attraversando la Palmese. Assenti alla riunione l’Amministratore giudiziario Domenico Larizza ma anche i fratelli Rocco e Giuseppe Simone e il dott. Franco Scampato, questi ultimi tre che sono tra i pochissimi dirigenti ufficiali in carica nella Palmese con quote in Società.

Nel frattempo, durante il trascorso mese di Giugno, i fratelli Simone in sintonia con il dott. Franco Scampato, avendo la facoltà, si sarebbero rivolti al Giudice di sesso femminile della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi che si sta occupando del sequestro del club, formulando due richieste completamente diverse tra loro: una richiesta riguarderebbe il dissequestro del club mentre nell’altra richiesta si chiede l’affidamento del club in gestione. Da fonti attendibili proprio quest’ultima richiesta di affidamento in gestione del club sarebbe stata respinta dal giudice mentre per quanto riguarda la richiesta di dissequestro avanzata dagli stessi fratelli Rocco e Giuseppe Simone e dal dott. Franco Scampato, bisognerebbe attendere ancora qualche giorno, forse già intorno a metà di questa prima settimana di Luglio il Giudice si pronuncerà.

In tutto questo, l’Amministratore giudiziario Domenico Larizza avrebbe posto condizioni e paletti serissimi affinché la Palmese continui a esistere. In pratica le persone intenzionate a gestire la Palmese (gente con le carte in regola, ed anche in possesso dei requisiti quali cariche dirigenziali in seno al club) dovrebbero “posare” sul tavolo un bel gruzzoletto di Euro in cash a garanzia ed entro la data della scadenza dell’iscrizione prevista appunto per il prossimo venerdi 12 Luglio 2019. Richieste che, sempre da fonti attendibili, sarebbero difficilissime da portare a termine, improponibili nell’attuale situazione che sta vivendo la Palmese. Staremo a vedere perché entro questo fine settimana moltissime cose si chiariranno quasi definitivamente per il futuro della ultracentenaria Palmese, con i tifosi neroverdi e la Città di Palmi con il fiato sospeso.

Partecipa alla discussione