Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Camillo Falvo, prossimo Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia Nato a San Pietro a Maida (CZ), vanta una lunga esperienza, sia nel settore giudicante che in quello requirente

Camillo Falvo, prossimo Procuratore della Repubblica di Vibo Valentia Nato a San Pietro a Maida (CZ), vanta una lunga esperienza, sia nel settore giudicante che in quello requirente
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

La Quinta Commissione del CSM nella seduta del 15 Ottobre 2019 ha proposto al Plenum del Consiglio Superiore della Magistratura il conferimento dell’Ufficio direttivo di Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Vibo Valentia al Dott. Camillo FULVO attualmente sostituto procuratore a Catanzaro.
Il conferimento dell’incarico al dott. FULVO, su posto vacante già ricoperto dal dott. Bruno Giordano, è stato proposto al Plenum del CSM all’unanimità.
Il dott. Camillo FALVO è nato a San Pietro a Maida (CZ) il 13.2.1969 e, prima di entrare in Magistratura, ha ricoperto ruoli sia da Ufficiale delle forze del Corpo della Guardia di finanza che di Funzionario di Polizia.
Uditore giudiziario dal ’97, è stato per 4 anni alla Procura di Rovigo, con applicazione extra-distrettuale alla Procura di Vibo Valentia. Nell’ottobre 2002 è stato trasferito al Tribunale di Catanzaro dove ha svolto funzioni sia di giudice civile che penale ed ha maturato una vasta esperienza come giudice in processi di criminalità organizzata.
In seguito FALVO ha svolto le funzioni di magistrato a Messina dal settembre del 2010, prima alla procura ordinaria e poi in DDA dal maggio 2012, e da sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Messina è stato poi trasferito a sua domanda da aprile 2014 alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro con le stesse funzioni.
Il dott. Camillo FALVO vanta una lunga esperienza, sia nel settore giudicante che in quello requirente, ed il positivo superamento della quinta valutazione di professionalità a decorrere dal 24.2.2017.

Partecipa alla discussione