Classico del teatro partenopeo al Comunale di Catanzaro | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Classico del teatro partenopeo al Comunale di Catanzaro Lo spettacolo “A che servono questi quattrini” andrà in scena sabato due marzo

Classico del teatro partenopeo al Comunale di Catanzaro Lo spettacolo “A che servono questi quattrini” andrà in scena sabato due marzo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Sabato 2 marzo 2019, ore 20.45, al Teatro Comunale di Catanzaro ancora un appuntamento con la rassegna teatrale Vacantiandu, direzione artistica di Diego Ruiz, Nico Morelli e direzione amministrativa di Walter Vasta. Promosso dall’Associazione teatrale I Vacantusi di Lamezia Terme, Vacantiandu è uno dei progetti culturali con validità triennale finanziati dalla Regione Calabria con fondi PAC. In scena A che servono questi quattrini di Armando Curcio con Pietro De Silva e Francesco Procopio, regia di Giuseppe Miale di Mauro.

Un testo scritto nel 1940 e che a distanza di tanti anni si rivela ancora attualissimo. Eduardo Parascandolo (Pietro De Silva), detto “o professore”, dopo aver dilapidato tutti i suoi averi vive la sua vita alla maniera degli stoici greci professando l’inutilità del denaro e dedicandosi alla contemplazione e al riposo. Tra i suoi seguaci c’è Vincenzino Esposito (Francesco Procopio), povero operaio innamorato di Rachelina (Felicia Del Prete), di famiglia benestante. Il professore-filosofo, con uno stratagemma, dimostrerà che basta far credere a tutti di essere ricchi per diventare degni di credito illimitato perché “Il Denaro è un trucco, serve solo ad apparire ciò che non si è!” E cosa c’è di più attuale oggi del valore dell’apparenza? Trasportato ai giorni nostri lo spettacolo diventa un’indagine sul rapporto delle persone con i beni materiali, con l’apparire in una società malata che ha travisato i valori e il rapporto con il denaro. Sul palco, oltre a Pietro De Silva e Francesco Procopio un cast di bravissimi attori Felicia Del Prete, Antonio Friello, Rossella Pugliese e Andrea Vellotti.

Partecipa alla discussione