Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

“Colora il tuo casco” per guidare con la testa sulle spalle Grande successo per la terza edizione del concorso promosso dall'assessore alla viabilità del Comune di Taurianova, Luigi Mamone

“Colora il tuo casco” per guidare con la testa sulle spalle Grande successo per la terza edizione del concorso promosso dall'assessore alla viabilità del Comune di Taurianova, Luigi Mamone
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

di Nelly Dogali

Torna, per la terza edizione, il concorso “Colora il tuo casco”, ideato e promosso dall’assessore alla viabilità e alla cultura Luigi Mamone, già presidente per sedici anni della Federazione Motociclistica Italiana in Calabria. Il progetto è indirizzato agli alunni delle classi terze delle scuole medie, in quanto prossimi a diventare guidatori su strada, in bicicletta o in moto. Anche quest’anno “Colora il tuo casco” ha riscosso notevole successo: hanno partecipato 80 alunni tra l’istituto comprensivo “Monteleone-Pascoli” e l’istituto comprensivo “Sofia Alessio – Contestabile”. I vincitori verranno premiati dal sindaco Scionti nella giornata di domani, con il casco integrale personalizzato con la grafica da loro realizzata: un esemplare unico del valore complessivo di 300 euro.

L’obiettivo del progetto è arrivare all’utilizzo ragionato e ragionevole del casco, attraverso un nuovo metodo di sensibilizzazione che passa per la realizzazione artistica. Il casco, infatti, viene valorizzato attraverso la grafica, realizzata su un foglio sul quale è già delineato il profilo neutro di un casco; su quel modello, infatti, i ragazzi possono creare la loro grafica personalizzata, che viene poi valutata da una commissione di esperti del terzo settore del Comune di Taurianova in forma assolutamente anonima.

Quest’anno “Colora il tuo casco” è stato realizzato in partnership con l’Automobile Club di Reggio Calabria, l’A.S.D. Kings Taurianova e Mammola Motor Sport. Il concorso sta riscuotendo molto interesse anche in altri Comuni d’Italia che hanno chiesto l’autorizzazione a poterlo riproporre per educare i giovani ad un utilizzo consapevole del casco, uno strumento utile per mille buone ragioni.

Partecipa alla discussione