Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Convegno di “Libera” incentrato sul porto di Gioia Tauro La discussione si focalizzerà su futuro, occupazione e legalità dello scalo

Convegno di “Libera” incentrato sul porto di Gioia Tauro La discussione si focalizzerà su futuro, occupazione e legalità dello scalo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

LiberaIdee nasce con lo scopo di porsi in profondo ascolto del territorio nazionale e internazionale, attraverso una ricerca sociale qualitativa e quantitativa, non affidata a centri di indagine e statistica ma costruita insieme alla rete territoriale e posta nelle mani dei volontari dell’associazione. L’idea, generata nel 2016, è di trasformare l’ascolto e dunque i risultati della ricerca, in azione, liberando nuove energie, generando nuove idee che siano efficaci e rispondano al cambiamento che mafie e corruzione stanno portando avanti incessantemente, grazie ai loro tratti camaleontici.

A partire dal Rapporto, Libera ha organizzato un tour, Idee in Viaggio, che vedrà la disseminazione dei dati in 200 tappe nazionali e internazionali, fino al giugno 2019. In Calabria il viaggio si svolgerà dal 18 al 25 gennaio con iniziative in tutte le province. Il coordinamento della Piana di Gioia Tauro ha immaginato di condividere con le comunità territoriali il rapporto nella giornata di mercoledì 23 gennaio organizzando il convegno dal titolo “Porto di Gioia Tauro: futuro, occupazione, legalità” che avrà luogo alle ore 17:00 all’interno dell’Auditorium della Casa del Laicato a Gioia Tauro.

Il tema della centralità del Porto di Gioia Tauro nello sviluppo della Calabria, del Mezzogiorno e del Paese è fondamentale per rilanciare un’idea di economia circolare capace di generare occupazione e dunque futuro. Tutto ciò però non può prescindere dal ripristino della legalità e della giustizia in un luogo fortemente condizionato dalla ‘Ndrangheta che spesso ha offuscato le potenzialità del Porto e le ricadute occupazionali nella Piana e in Calabria. Ripartire dal Porto, croce e delizia della Piana, significa per Libera rilanciare un’infrastruttura che innanzitutto dev’essere “libera” dalla ‘ndrangheta e dal malaffare.

Parteciperanno all’incontro don Pino Demasi (referente territoriale di Libera), Andrea Agostinelli (Commissario straordinario Autorità Portuale), Santo Biondo (Segretario Generale UIL Calabria), Francesco De Bonis (AD Auto Terminal Gioia Tauro), il Sen. Nicola Morra (Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia), il Sen. Andrea Cioffi (Sottosegretario al MiSE) e il DOTT. Gaetano Paci (Procuratore Aggiunto DDA di Reggio Calabria). Modera l’incontro il giornalista Michele Albanese (delegato legalità FNSI e corrispondente ANSA)

Partecipa alla discussione