Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Coronavirus Calabria, “Fase 2”, il Governo centrale dice di restare chiusi, la Santelli (ri)apre Riaprono bar, ristoranti e pizzerie (all'aperto). Emanate due ordinanze di "libertà" e "fiducia". Quali saranno le reazioni del Governo nazionale?

Coronavirus Calabria, “Fase 2”, il Governo centrale dice di restare chiusi, la Santelli (ri)apre Riaprono bar, ristoranti e pizzerie (all'aperto). Emanate due ordinanze di "libertà" e "fiducia". Quali saranno le reazioni del Governo nazionale?
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

A Roma ordinano in Calabria disubbidiscono. Nemmeno il tempo che il nuovo Dpc, del 26 aprile scorso in cui il Premier Conte aveva varato sulle nuove norme anti-contagio le quali andranno in vigore dal 4 maggio prossimo ed ecco arrivare da alcune Regioni italiane tutte di centrodestra, una “disubbidienza” istituzionale la quale sicuramente aprirà un vero e proprio “conflitto di attribuzione” oltre ad una presa di responsabilità di grande spessore e si spera gestibile vista ancora l’emergenza che non è ancora passata. Anche se in alcune Regione prevalentemente del Sud i contagi sono stati sempre contenuti, in altre invece ancora, seppur aumentano i guariti, calano i contagi, ma ci sono ancora centinaia di morti.
La Calabria coglie di sorpresa un po’ tutti con due ordinanza varate pochi istanti fa e che entreranno in vigore da domani 30 aprile, anticipando tempi e modalità di libertà sociale.
Lo comunica la stessa presidente della Regione Calabria dove parla di due ordinanze le quali stabiliscono “Misure nuove, al pari di altre regioni e alcune uniche sul territorio nazionale; tutte parlano il linguaggio della Fiducia”. Nella speranza che tale “fiducia” venga riposta bene da parte dei calabresi. Infatti, sperando, come dice la Santelli, “Poiché in queste settimane i calabresi hanno dimostrato senso civico e rispetto delle regole, è giusto che oggi la Regione ponga in loro fiducia. Sapranno dimostrare buon senso nel gestire i nuovi spazi di apertura che la Regione ha deciso di consentire, anche oltre il dettato del Governo”.
Mentre tutti si stavano preparando ad aprire il 4 maggio, ovvero le attività commerciali non “sospese”, ecco il “colpo di teatro” in elenco:

1. Sono consentiti gli spostamenti all’interno del proprio Comune o verso altro Comune per lo svolgimento di sport individuali;

2. Sono consentiti gli spostamenti per raggiungere le imbarcazioni di proprietà da sottoporre a manutenzione e riparazione, per una sola volta al giorno;

3. È confermato il disposto dell’Ordinanza n. 32/2020 in materia di attività agricole e di conduzione di piccoli allevamenti di animali svolte in forma amatoriale, di stabilimenti balneari, di attività di trasformazione dei prodotti industriali;

4. È confermato il disposto dell’Ordinanza n. 36/2020 per come integrato da quanto previsto dall’art. 1 lettera a) del DPCM 26 aprile 2020;

5. È consentita la ripresa delle attività di ristoranti, pizzerie, rosticcerie per la preparazione dei relativi prodotti da effettuarsi a mezzo asporto;

6. È consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto;

7. Le attività di cui ai punti 5 e 6 possono essere riattivate presso gli esercizi che rispettano le misure minime “anti-contagio” di cui all’allegato 1 parte integrante alla presente Ordinanza e ferma restando la normativa di settore;

8. Sono consentiti gli spostamenti per l’assistenza a persone non autonome, ivi comprese quelle per le quali occorre prestare assistenza ai sensi della L. n. 104/92 e s.m.i., in quanto rientranti nei motivi di salute, nonché il contenuto dell’Ordinanza n. 29/2020 nei punti dal 4 al 9 e nell’allegato 1, ove non in contrasto con la presente Ordinanza;
E che il Signore Iddio ce la mandi buona….

Ordinanza-P.G.R.-n.-37_2020

Partecipa alla discussione

Change privacy settings