Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Dichiarazione di Magarò, Presidente della Commissione Regionale Antimafia

Dichiarazione di Magarò, Presidente della Commissione Regionale Antimafia
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

” Necessario fare rete contro la ‘ndrangheta a supporto della Agenzia Nazionale”

Morcone:confiscati 1532 beni in Calabria

Dichiarazione di Magarò, Presidente della Commissione Regionale Antimafia

“Necessario fare rete contro la ‘ndrangheta a supporto della Agenzia Nazionale”

 

Da soli non siamo in grado di poter raggiungere risultati efficaci. Per questo bisogna costruire una rete di intese e di rapporti con le associazioni di categoria e con le istituzioni locali. In questa ottica serve un interlocutore in seno al Consiglio Regionale della Calabria.

Sono le parole pronunciate dal Direttore dell’Agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, il Prefetto Mario Morcone, a margine dell’audizione resa in Commissione Antimafia che ci incoraggiano a proseguire nel percorso di creare anche in Calabria un organismo locale di supporto all’Agenzia nazionale, per snellire e semplificare le procedure di assegnazione e di gestione dei patrimoni sottratti alle cosche.

Sento il dovere di ringraziare pubblicamente il Prefetto per la disponibilità manifestata e la chiarezza delle argomentazioni esposte in Commissione, ma soprattutto per la quotidiana attività prestata al servizio dello Stato e per il benessere della comunità. Morcone ha annunciato la creazione di un database nazionale, consultabile dagli enti locali, per il monitoraggio dei beni confiscati, degli andamenti gestionali e dello stato di avanzamento del processo di destinazione.

Sono diversi i fattori di criticità che rallentano il percorso e ritardano il riutilizzo dei beni per finalità di interesse collettivo. Spesso gli immobili sono gravati da ipoteche e pignoramenti, in altri casi sono ancora occupati dal soggetto destinatario del provvedimento di sequestro o dai suoi familiari, in altri ancora sono gravemente deteriorati e degradati ed i comuni non dispongono delle risorse per renderli disponibili e poterne usufruire.

E’ per questo che presenterò un provvedimento di legge per destinare una quota delle risorse che la Regione destina annualmente per la realizzazione di opere pubbliche a quei comuni che presentano progetti per il recupero di immobili confiscati alla criminalità organizzata

Partecipa alla discussione

Change privacy settings