Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Dissequestrata la Società “Car. Spo. Costruzioni” Soddisfatta per il risultato raggiunto l'avvocato Glenda Prochilo

Dissequestrata la Società “Car. Spo. Costruzioni” Soddisfatta per il risultato raggiunto l'avvocato Glenda Prochilo
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

DISSEQUESTRATA LA SOCIETÀ “CAR. SPO. COSTRUZIONI EDILI & IMMOBILIARI S.R.L.” DI CARUSO ENRICO ED IL CONTO CORRENTE INTESTATO A SPOSATO ISABELLA NELLA QUALITÀ DI TERZA INTERESSATA.

Accolte le istanze di dissequestro avanzate dall’Avvocato Prochilo Glenda al Tribunale Collegiale Penale di Palmi.
Nell’ambito del procedimento “Terramara Closed” condotto dalla DDA di Reggio Calabria erano stati sottoposti a sequestro preventivo tutti i beni riconducibili alla Società “Car. Spo. Costruzioni Edili & Immobiliari s.r.l.” di titolarità del Sig. Caruso Enrico imputato, nella qualità di legale rappresentante, in concorso con il Sig. SPOSATO Carmelo, del reato di intestazione fittizia con l’aggravante dell’agevolazione ad associazione mafiosa.
Nello stesso procedimento venivano, altresì, sottoposti a sequestro i conti correnti della Sig.ra SPOSATO Isabella, nella qualità di terza interessata, poiché ritenuti nella disponibilità del padre Sig. Sposato Carmelo.
Il Tribunale Penale di Palmi in composizione Collegiale (Presieduto dal Giudice Grillone e dai Giudici a latere Morrone e Maione) ha accolto le richieste di dissequestro avanzate dall’Avvocato Prochilo, difensore di Caruso Enrico e di Sposato Isabella.
L’Avvocato Prochilo ha evidenziato la totale assenza di un nesso strumentale, specifico e stabile tra i beni sottoposti a sequestro e la presunta attività illecita per come ricondotta allo Sposato Carmelo dalla Procura DDA di Reggio Calabria.
A sostegno della richiesta di dissequestro veniva depositata consulenza tecnica-contabile nella quale si evidenziava il legittimo operato e l’autonoma vita economica ed amministrativa della società Car. Spo. Costruzioni Edili & Immobiliari s.r.l. e del legale rappresentante Caruso Enrico senza che potesse ritenersi esistente, nella sua conduzione e gestione, alcuna interferenza da parte dello Sposato Carmelo che, peraltro, era stato scarcerato senza sussistenza nemmeno della gravità indiziaria da parte del Tribunale della Libertà di Reggio Calabria in data 28.11.2018.
Ugualmente, nella richiesta di dissequestro avanzata nell’interesse di Sposato Isabella veniva evidenziato come le somme che confluivano nei conti correnti della signora derivavano dai risparmi nonché dai proventi relativi all’attività lavorativa svolta, non sussistendo, dunque, alcuna correlazione tra i conti ed i reati provvisoriamente contestati al padre Sposato Carmelo da ritenersi, comunque, estraneo al contesto associativo mafioso di Taurianova.
I Giudici collegiali accoglievano, quindi, in toto le richieste dell’Avv. Prochilo evidenziando come i beni della Società Car.Spo. nonché le somme della Sig.ra Sposato non potevano ritenersi frutto di attività illecita anche alla luce della ritenuta estraneità dello Sposato Carmelo ad ogni logica ‘ndranghetista.
L’Avv. Prochilo si ritiene soddisfatta dei risultai raggiunti che hanno condotto a far emergere la verità.

Partecipa alla discussione