Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Estorsione ed usura, resta in carcere il boss Mancuso Stesso provvedimento per il nipote Alfonso Cicerone

Estorsione ed usura, resta in carcere il boss Mancuso Stesso provvedimento per il nipote Alfonso Cicerone
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Il gip del Tribunale di Vibo Valentia, Giulio De Gregorio, non ha convalidato, per mancanza del pericolo di fuga, il fermo di indiziato della Dda di Catanzaro nei confronti del boss della ‘ndrangheta Antonio Mancuso, 81 anni, che resta però ugualmente in carcere in quanto il giudice ha emesso nei suoi confronti un’ordinanza di custodia cautelare. Lo stesso provvedimento è stato adottato anche per il nipote Alfonso Cicerone, 45 anni, di Nicotera, pure lui accusato di estorsione ed usura, reti aggravati dal metodo mafioso, ai danni di un imprenditore del luogo. Il giudice ha ravvisato i gravi indizi di colpevolezza e la possibilità di un inquinamento delle prove se rimessi in libertà.

Partecipa alla discussione