Gallo (udc) ad Anas, aprire galleria Montegiordano | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Gallo (udc) ad Anas, aprire galleria Montegiordano

Gallo (udc) ad Anas, aprire galleria Montegiordano
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

”Il progetto esecutivo dell’opera -ricorda Gallo – risale al 1996″

”Fare luce sullo stato dei lavori e aprire al traffico le gallerie di Montegiordano, per migliorare la sicurezza nel centro abitato ed accorciare i tempi di percorrenza lungo la statale 106”

Gallo (udc) ad Anas, aprire galleria Montegiordano

”Il progetto esecutivo dell’opera -ricorda Gallo – risale al 1996″

 

(ASCA) – Cosenza, 2 set – ”Fare luce sullo stato dei lavori e aprire al traffico le gallerie di Montegiordano, per migliorare la sicurezza nel centro abitato ed accorciare i tempi di percorrenza lungo la statale 106”. E’ la richiesta che il consigliere regionale dell’Udc, Gianluca Gallo, presidente del Comitato regionale di controllo contabile, ha rivolto ai vertici dell’Anas regionale e nazionale, sollevando il caso dei tunnel che, realizzati agli ingressi del centro abitato montegiordanese con l’intento di evitare l’afflusso di camion e automobili nel cuore del paese, da anni attendono d’essere aperti al traffico.

”Il progetto esecutivo dell’opera -ricorda Gallo – risale al 1996. Due anni dopo furono aggiudicati i lavori, che nel luglio 2001 permisero l’abbattimento dell’ultimo diaframma.

Da allora poco o niente, sebbene i lavori di ammodernamento e ampliamento della statale ionica siano ritenuti di particolare interesse soprattutto per la posizione strategica di cerniera e collegamento fra le regioni Puglia, Basilicata e Calabria”.

”Gravi e pesanti sono i disagi che, a causa di questo stato di cose, si ripercuotono sui cittadini e, in particolare – conclude Gallo – sulle popolazioni della zona.

Ragion per cui diffidiamo l’Anas a rispettare gli impegni assunti, anticipando sin d’ora che in caso contrario faremo ricorso a tutti gli strumenti che la legge pone a nostra disposizione per tutelare, eventualmente anche in sede giudiziaria, gli interessi del territorio”.

Partecipa alla discussione