Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Germania, quindici tonnellate di gelato invadono l’autostrada Un dolce disastro

Germania, quindici tonnellate di gelato invadono l’autostrada Un dolce disastro
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Quindici tonnellate di gelato sono finite sull’autostrada, l’A67 in Assia (Germania), in seguito a un incidente avvenuto questa mattina, all’altezza dello svincolo di Viernheim. La polizia ha dovuto chiudere al traffico due corsie e dalle prime informazioni sembra che il conducente 44enne del veicolo di trasporto non si sia accorto di un furgone sul ciglio della strada. Disattenzione che gli è costata lo scontro con il veicolo fermo e la rottura del rimorchio e conseguente perdita delle coppette gelato. Fortunatamente, entrambi i conducenti sono usciti dallo scontro illesi. I danni, per contro, stimati dalla polizia ammonterebbero a 250mila euro. Non è la prima volta che accadono in Germania eventi del genere in Germania. Nel dicembre 2018, per un problema tecnico un silos contenente della cioccolata calda è traboccata e diverse tonnellate di prodotto sono finiti in strada. È successo nel villaggio di Werl, a un’ora da Dortmund. Le tonnellate di cioccolato liquido hanno costretto gli addetti alla sicurezza stradale alla chiusura della circolazione per oltre 3 ore. Il cioccolato si è solidificato sull’asfalto: ci è voluta un’ingente quantità di acqua calda, 23 operai con pale e bruciatore per ripulire del tutto la strada. Dopo il silos contenente tonnellate di cioccolata calda traboccata da una fabbrica tedesca il 15 dicembre 2018 e poco lontano, alcuni sconosciuti hanno aperto i rubinetti di scarico di un camion cisterna vicino a Rüthe (Nord Reno-Westfalia) ed hanno fatto sversare ben 15.000 litri di latte che hanno trasformato la strada in una “pista di pattinaggio”. Dopo più di tre ore e 20.000 litri di acqua gli addetti sono riusciti finalmente a sprazzare la superficie ghiacciata dalla strada. Non solo notizie curiose, per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti, ma anche nuovi sprechi alimentari.

Partecipa alla discussione