Giacomo Giuseppe SOFIA (1878-1926) – Il prete letterato – | ApprodoNews
Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Giacomo Giuseppe SOFIA (1878-1926) – Il prete letterato – Continua la narrazione in silloge di personaggi del pianoro Taurianovese da parte del blogger Giovanni Cardona

Giacomo Giuseppe SOFIA  (1878-1926) – Il prete letterato – Continua la narrazione in silloge di personaggi del pianoro Taurianovese da parte del blogger Giovanni Cardona
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Giacomo Giuseppe SOFIA (1878-1926)
– Il prete letterato –

 

Nacqui a Radicena
da Leopoldo fu Gaetano
il 27 febbraio del 1878.

A Mileto ancor giovane
iniziai gli studi teologici
proseguiti a Ferrara
presso i gesuiti.

Fui sospinto
sin dall’immatura età
allo studio delle belle lettere
alla profondità del pensiero
all’aggiustatezza delle cognizioni.

Durante il primo conflitto
col mio fraterno amico
e compagno d’armi
Michelino Barillari
mi profusi a propagandare il bene
per la conquista della verità.

Quanti simposi
col mio sodale e benevolo
Rocco Lo Schiavo-Pellicano
consacrammo alle lettere
e all’ardore filosofico.

Scrissi molte opere teatrali
poesie e pensieri
dai miei conterranei
dimenticati nella muta
malasorte dell’oblio.

Fui molto legato ad Adolfo
mio sventurato fratello
rapito ancor giovane
dal tumulo muto
di un avverso fato.

In Pax Domini
e per febbre nervosa
morii a Mileto
il 16 agosto del 1926.

Oggi l’ignoto e il diabolico
nascondono tra queste righe
i segni perduti
di un vuoto sentire
nel candore di una morte
misteriosa e menzognera.

Partecipa alla discussione