Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Gli errori politici di Scionti e i tradimenti nel Dna L’ex consigliere Daniele Prestileo con le sue dimissioni, senza aver mai smentito il suo intervento di insediamento del 18 luglio, ha dimostrato che era tutto pianificato a monte

Gli errori politici di Scionti e i tradimenti nel Dna L’ex consigliere Daniele Prestileo con le sue dimissioni, senza aver mai smentito il suo intervento di insediamento del 18 luglio, ha dimostrato che era tutto pianificato a monte
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Di LL

Lo scioglimento del consiglio comunale di Taurianova con la decisione di 9 consiglieri comunali di presentare l’atto di sfiducia a Scionti nelle mani del segretario generale del comune, pone alcuni interrogativi sul perché si è arrivati alla fine anticipata della legislatura.
Fabio Scionti inutile nasconderlo è un ottimo amministratore ma un pessimo politico, il maggior errore è quello di aver consentito al partito democratico di dettare la sua agenda politica, infatti per lungo tempo i suoi veri interlocutori erano il ristretto cerchio magico della sua lista ed i dem, il resto non esistevano. anzi erano delle valigie al seguito del sindaco. Aver consentito a Caridi di entrare in maggioranza con il beneplacito dei vertici locali e provinciali del Pd, ha nei fatti distrutto il rapporto con il consigliere di minoranza Rocco Sposato, fino a quel momento fondamentale per reggere la maggioranza dopo la fuoriuscita dei consiglieri Morabito, Lazzaro e Versace.
Scionti accetta supinamente la decisione di Irto e Falleti senza battere ciglio. Sposato secondo il Pd, era vicino a Fausto Siclari, a “Testa Alta” ed al consigliere regionale Francesco D’Agostino.
Un errore politico madornale, mettere un consigliere organico al centrodestra in una giunta di centrosinistra, specie con un consigliere, come Rocco Sposato battitore libero e leale fino all’entrata di Caridi in maggioranza. Un grave errore politico in questo caso bipartisan di tutta la coalizione “per il bene della città”.
Da ricovero in manicomio invece l’ultimo comunicato del consigliere Caridi. Mentre i nove consiglieri si dimettevano, lui con la barca che affondava, consegnava una nota alla stampa paranoica, la quale sarebbe meglio non commentare…
Secondo errore politico di Scionti, aver consentito al Pd di gestire con i piedi la vicenda Prestileo nel subentrare a Dario Romeo. Guerre interne nel Pd subite passivamente da Scionti. Su Prestileo, bisogna scrivere un articolo a parte e, lo faremo a breve. Ma il tradimento di dell’ex consigliere Prestileo, per le modalità e per quello che ha detto all’atto di insediamento in consiglio sostenendo che avrebbe mantenuto fede al voto degli elettori che l’hanno voluto nella maggioranza Scionti, lascia molteplici dubbi. Ecco cosa ha detto: “il peggiore dei sindaci e meglio dei commissari prefettizi”, la dimostrazione è che era tutto falso! Un tradimento in piena regola e secondo noi anche pianificato. La città adesso si ritrova con un commissario prefettizio e con l’augurio che possa continuare nelle cose positive già programmate da Scionti, le quali sono tante, ma una su tutte, la metanizzazione a San Martino e Amato dopo 40 anni.

Partecipa alla discussione

Change privacy settings