Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Grande successo degli Stadio a Seminara Un concerto organizzato dall’Associazione Madre dei Poveri in collaborazione con Comitato 92, che l’ha preceduta

Grande successo degli Stadio a Seminara Un concerto organizzato dall’Associazione Madre dei Poveri in collaborazione con Comitato 92, che l’ha preceduta
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

Di Rosa Fameli Foti

Grande successo per gli Stadio il 13 agosto 2019 a Seminara (Rc). Un concerto organizzato dall’Associazione Madre dei Poveri in collaborazione con Comitato 92, che l’ha preceduta. La formazione iniziale è stata creata da Lucio Dalla, di cui ne decise anche il nome; gli Stadio sono un gruppo musicale italiano formatosi nel 1977 a Bologna. Gli attuali componenti sono Gaetano Curreri (voce e tastiera), Giovanni Pezzoli (batteria), Roberto Drovandi (basso), Andrea Fornili (chitarra). Partiti come la band di accompagnamento di Lucio Dalla , il primo album è del 1975 “Anidride Solforosa”. Gli Stadio nel 2020 festeggeranno il quarantesimo anniversario del gruppo. La band già vincitrice di Sanremo 2016 con “Un giorno mi dirai” ha pubblicato la ristampa in doppio vinile di uno dei loro album più celebrati, Stadio Mobile Live, (Universal Music); un lavoro che verrà riproposto anche dal vivo nell’ambito del tour Stadio Mobile Live 4.0, uno spettacolo antologico che celebra il primo live album della band, disco d’oro nel 1993. Tra i brani live proposti: Acqua e sapone ( sigla del film di Carlo Verdone), Un disperato bisogno d’amore, C’è, Vorrei, Chi te l’ha detto, La faccia delle donne, Grande figlio di puttana (tratta dal film Borotalco di Verdone), Generazione di fenomeni (serie tv I ragazzi del muretto), Chiedi chi erano i Beatles, Ho bisogno di voi, Bella più che mai. Ad affiancare gli Stadio sul palco una sezione di fiati completa, che regalerà alla band una inedita vibrazione funk e pop. Gaetano ci svela in pochi istanti, il tempo di una foto ricordo, qualche sua curiosità: < < Tutti non sanno che io sono venuto in Calabria da quando ho avuto quaranta giorni, ho vissuto i primi sette anni della mia vita qui, sono cresciuto a Vibo Marina, e ci sono stato fino alla seconda elementare. Tante volte mia madre quando non gli do retta e non faccio quello che vuole lei mi ripete “sei cocciuto come un calabrese, capa tosta, perché sei stato allattato per due anni da una donna Calabrese!” bevendo il suo latte lei pensa che abbia ereditato questo essere capa tosta il sangue dei Calabresi. Penso che sia la verità! >>. Inoltre Gaetano ha un bel rapporto con il pubblico, durante il concerto ci svela: < >. Tante collaborazioni, sigle tv di serie fortunate come “I ragazzi del muretto” degl’anni ’90, con “Generazione di fenomeni”. A fine concerto Gaetano Curreri fà una dedica speciale al paese e all’ amico Lucio Dalla. Il noto compianto cantante conosceva già Seminara; venne qui proprio durante le riprese del film prodotto dalla Rai. In questo film del 2008, tratto dal libro “Artemisia Sanchez” scritto dal dott. Santo Gioffrè (nativo di Seminara): Siamo a Seminara, un piccolo paesino della Calabria ed è il 1763; la piccola marchesa Artemisia Sanchez (Michelle Bonev) ed il conte Angelo Falvetti (Fabio Fulco) si giurano amore eterno. Le riprese sono state girate tra Matera, Cerchiara di Calabria, Cittanova, la Tonnara di Palmi e San Giorgio Morgeto e Seminara. Tante le vicissitudini e avversità complicate si intrecciano tra i due protagonisti, e regalano un film storico avvincente e pieno di suspense . Al film prende parte anche Lucio Dalla, sia per aver curato le musiche, sia come attore (vescovo Agostino Falvetti, ecclesiastico). Nei pressi del palco troviamo Domenico Scordo, un collaboratore dell’Associazione Comitato ’92: < < io sono uno dei fan storici degli Stadio, facente parte del Comitato 92, quello fondato nel 1992 da Mario Ligato e Natale Gioffrè, e poi formato da, l’ing. Enzo Valente, Umberto Costantino, Enzo Cutrino, ed io ma ero quattordicenne, molto giovane. Abbiamo seguito i festeggiamenti per ben 30 anni. La scelta del complesso Stadio è caduta grazie a noi che dalle ragazze dell’associazione Madre dei Poveri. Questa formazione Stadio 4.0 è un ritorno alle origini, con l’introduzione dei fiati, cambio del batterista Giovanni per problemi personali, che è stato sostituito da un altro batterista. Nei concerti stadio live 4.0 verranno riproposte le vecchie abitudini, quello dell’uso dei fiati>>.

Partecipa alla discussione