Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Torna su

Torna su

 
 

Gruppo PD: Sui rifiuti, la Presidente Santelli ascolti i Sindaci “La soluzione prospettata dalla nuova ordinanza della Presidente Santelli sui rifiuti, non solo non risolve nulla, ma aumenterà la quantità di rifiuti a terra. I cittadini vogliono sapere se oggi si raccoglie la spazzatura o no

Gruppo PD: Sui rifiuti, la Presidente Santelli ascolti i Sindaci “La soluzione prospettata dalla nuova ordinanza della Presidente Santelli sui rifiuti, non solo non risolve nulla, ma aumenterà la quantità di rifiuti a terra. I cittadini vogliono sapere se oggi si raccoglie la spazzatura o no
Testo-
Testo+
Commenta
Stampa

“La soluzione prospettata dalla nuova ordinanza della Presidente Santelli sui rifiuti, non solo non risolve nulla, ma aumenterà la quantità di rifiuti a terra. I cittadini vogliono sapere se oggi si raccoglie la spazzatura o no. E da quello che c’è scritto in questa ordinanza pare proprio di no. Se l’intento, infatti, era quello di porre mano, in emergenza, a una situazione che sta diventando drammatica, l’ordinanza appare viziata da due difetti fondamentali: innanzi tutto, detta dei tempi oggettivamente inattuabili; in secondo luogo, e questo forse è ancora peggio, nasce senza il minimo raccordo con i Sindaci”. È quanto dichiara, in un comunicato congiunto, il Gruppo PD in Consiglio regionale, che aggiunge: “La rivolta in atto in queste ore da parte dei primi cittadini calabresi, senza differenze di schieramento politico, dimostra che non si può ordinare in astratto, senza aver preso contezza e ragionato insieme a coloro che vivono quotidianamente la situazione concreta. I Sindaci chiedono l’avvio di un processo graduale ma incisivo che punti a privilegiare un circuito di gestione interamente pubblico e a dismettere progressivamente ogni rapporto con le società private per la gestione degli impianti e delle discariche”. “Una prima direzione, chiara e percorribile, può venire dalla proposta di una impiantistica plurale, a cominciare dalla zona settentrionale dell’ATO di Cosenza: tre mini impianti pubblici, concepiti ciascuno per servire le necessità di aree comprendenti bacini con una utenza fra i 150 mila e i 200 mila abitanti. Una impiantistica plurale, fra l’altro, sarebbe meglio gestibile dai Sindaci e coniugherebbe il minimo impatto ambientale con la migliore efficienza e la più ampia consapevolezza dei cittadini, rendendo questi ultimi pienamente partecipi e attori principali di un progetto complessivo che punti all’obiettivo tendenziale zero discariche”. “La soluzione – conclude il Gruppo PD – non può essere né il mega impianto, che è oggettivamente fuori scala, né quella di continuare a scavare e allargare nuove e vecchie buche da riempire”.

Partecipa alla discussione

Change privacy settings